Atlantomed

venerdì 11 agosto 2017

I nemici della lingua italiana

Marco Cedolin

Nei decenni passati a deturpare  in maniera orribile la lingua italiana erano soprattutto i vocaboli di origine statunitense che facevano tanto manager rampante, i quali spopolarono prima in ambito aziendale per poi invadere il giornalismo, la TV, i bar e purtroppo anche il lemmario del cittadino, non prima di essere stati sdoganati anche sui vocabolari che contano.
Oggi invece l'assalto a quello che resta della lingua italiana arriva dai dirittoumanisti radical chic modello Boldrini....

che ritengono doveroso ed indispensabile storpiare al femminile tutti quei vocaboli neutri che in quanto tali il femminile non c'è l'hanno.

Così sul sito del Ministero della Salute scopriamo l'esistenza della "ministra" Lorenzin, Laura Boldrini diventa "Presidenta" della Camera, sui giornali ci ragguagliano sulle decisioni della "Prefetta" caia o della "sindaca" sempronia, e via così con una saga del grottesco che fa rabbrividire chiunque ami almeno un poco la propria lingua.

Ma lo storpiamento in questo caso avrà anche un carattere istituzionale, poiché da settembre entrerà in vigore il "codice Boldrini" ed i dipendenti  non potranno più entrare alla Camera privi dei nuovi tesserini con la declinazione della loro mansione secondo il genere femminile.

Sarà insomma la vera saga del festival del grottesco, con la consigliera comunale, l'assessora, la cancelliera, l'architetta, la Colonnella, la medica, l'ingegnera, la chirurga e chi più ne ha ne metta.

Ad ascoltare questi deliri viene quasi nostalgia dei manager rampanti, almeno loro non avevano la presunzione di ergersi a modello culturale e neppure l'appoggio incondizionato dei servi petalosi dell'Accademia della Crusca.

Nessun commento: