Atlantomed

mercoledì 6 luglio 2022

Autoimmobilisti

A mano a mano che il “progresso” avanza a grandi passi, sta cambiando sempre più radicalmente il rapporto fra l’uomo e la propria automobile, sempre ammesso che il malcapitato guidatore degli anni a venire sia ancora in grado di acquistarne e mantenerne una, prospettiva invero di assai difficile realizzazione. Diventerà sempre più un retaggio del passato l’immagine dell’auto che una volta acquistata con grandi sacrifici, veniva “coccolata” in garage per poi essere dominata rombante sull’asfalto e lanciata in autostrada al galoppo come un cavallo di razza. Dal luglio del 2024 ogni auto di nuova immatricolazione dovrà montare di serie un limitatore di velocità, che deciderà in maniera autonoma di schiacciare il pedale del freno ogni qualvolta tu stia superando il limite di velocità imposto in quel tratto di strada. Immaginare qualcosa del genere sulle strade italiane, dove su una statale si passa schizofrenicamente dai 90 km/h ai 30 km/h in un battito di ciglia ed i limiti molto spesso sono del tutto disancorati dalla realtà ed utilizzati solamente per fare cassa con le multe o tutelarsi dalle denunce per mancata manutenzione del fondo stradale è naturalmente grottesco. Così come lo sarebbe il quadretto composto da auto nuove che inchiodano ad ogni piè sospinto ed auto più datate i cui guidatori, tentando di evitare un tamponamento si profondono in epiteti ben poco raffinati. Con tutta probabilità gli acquirenti delle auto nuove si recheranno in tutta fretta dall'elettrauto per fare disinnescare il marchingegno e le autorità chiuderanno un occhio, ben consce del fatto che la situazione diventerebbe ingestibile. Resta il fatto che fra sistemi che parcheggiano autonomamente e vetture a guida assistita quando non completamente autonoma, l'uomo progressivamente si ritroverà a non dominare più un bel niente, tranne le rate del finanziamento. Un problema comunque di poco conto, se pensiamo che fra una decina di anni, con l’imposizione dell'elettrico, disporre di un mezzo di trasporto autonomo sarà esclusivo appannaggio di un’élite di persone facoltose che troppo prese dai propri impegni non faranno caso a chi sia in realtà a comandare all’interno dell'abitacolo.

Nessun commento: