Atlantomed

mercoledì 28 ottobre 2015

Il progresso è cancerogeno

Marco Cedolin

Se c'è una cosa che nel nuovo millennio, imbevuto di progresso e sviluppo come un babà al rum, sta diventando sempre più complessa ed inarrivabile, questa è l'apirazione di riuscire a mettere insieme il pranzo con la cena, possibilmente senza svuotare il portafoglio nelle prime due settimane del mese, senza avvelenarsi e mantenendo in vita almeno un embrione di quella sottile linea che separa il gustare il cibo dall'ingurgitarlo semplicemente per mere ragioni di sopravvivenza.
Del problema di allestire il desco dal punto di vista economico abbiamo già dissertato spesse volte su queste pagine, arrivando alla conclusione che il progresso e lo sviluppo sono ipocalorici e assai poco funzionali al sostentamento del corpo, prima ancora che dell'animo.
Sul problema di non avvelenarsi riteniamo valga la pena di spendere qualche parola, alla luce della campagna di terrore messa in atto dall'universo mediatico, dopo che l'OMS ha inserito le carni rosse e lavorate nel novero delle sostanze cancerogene, alla stessa stregua del fumo e dell'alcool.....

martedì 6 ottobre 2015

Landini è pronto ad occupare le fabbriche

Marco Cedolin

Non possono che strappare un sorriso amaro le parole del segretario generale della Fiom Maurizio Landini, pronunciate nel corso di un'intervista su Rai3, riguardo alle proteste in Francia dei lavoratori di Air France, durante le quali la sede del gruppo è stata presa d'assalto dai dipendenti, dopo l'annuncio del taglio di 2900 posti di lavoro.
Lontano senza dubbio anni luce dai lavoratori francesi (così come altrettanto lontani lo sono gli italiani), Landini da buon cerchiobottista condanna l'aggressione ai manager della compagnia francese, ma si dice pronto ad occupare le fabbriche per difendere il lavoro, naturalmente pacificamente e democraticamente, come a suo dire il sindacato da lui rappresentato avrebbe sempre fatto....

venerdì 2 ottobre 2015

Geopolitica del caos

Gianni Dessì

Risulta completamente evidente come l'amministrazione statunitense si ritrovi nel caos totale, scoordinata e ormai schiava delle sue stesse (scientificamente sbugiardate) fandonie mediatiche.
Ogni giorno ciascuno si sveglia e dice la sua, esternando magari un pensiero antitetico rispetto a quello del collega, fra ammissioni, accuse reciproche e minacce rivolte all'esterno.
Farebbe quasi sorridere, se non nascondessse un ormai cronico pressapochismo politico e una pericolosa mancanza di controllo, che lascia trasparire i continui conflitti interni alla stessa amministrazione statunitense....

giovedì 1 ottobre 2015

Come creare il mostro

Marco Cedolin


Questa volta il compito di creare il mostro e sbatterlo in prima pagina, con l'evidente scopo di screditare il presidente siriano Bashar al Assad presso l'opinione pubblica italiana sembra spettare agli articolisti del Corriere della Sera che sicuramente sono stati ben remunerati per il servizio reso ai macellai occidentali, che da qualche anno nutrono l'intenzione di distruggere la Siria, facendole fare la stessa fine dell'Iraq di Saddam Hussein e della Libia di Gheddafi.

In un penoso aticolo dossier dal titolo "Così tortura e uccide Assad", per dare concretezza al proprio lavoro e giustificare la ridicola inchiesta giudiziaria avviata dalla Francia contro il presidente siriano (dagli articolisti del Corriere etichettato come dittatore) per "crimini contro l'umanità", materia in cui i francesi fin dal periodo coloniale dovrebbero essere dei veri esperti, non trovano di meglio che rifarsi alle dichiarazioni e foto di un fantomatico "Cesar", presentando costui come il depositario di una verità assoluta.....