Atlantomed

martedì 27 gennaio 2015

150 anni di galera!

Marco Cedolin

150 anni di galera, nei confronti di 47 dei 53 NO TAV imputati nel maxiprocesso che si è concluso oggi a Torino nell'aula bunker del carcere delle Vallette, quella costruita ad hoc per i processi del terrorismo anni 70/80. 150 anni di galera, che in media fanno oltre tre anni a testa, per gli scontri avvenuti a Chiomonte il 27 giugno 2011, in occasione dell'assalto portato da migliaia di uomini delle forze dell'ordine, al presidio NO TAV in località Maddalena e per quelli avvenuti il 3 luglio dello stesso anno durante la manifestazione che tentava di "riprendere" i terreni che sarebbero divenuti sede del cantiere per lo scavo del tunnel geognostico.....

lunedì 26 gennaio 2015

Siamo tutti Tsi qualcosa

Marco Cedolin

L'unica ragione plausibile che possa spiegare l'entusiasmo incontenibile con il quale gli italiani hanno accolto la vittoria elettorale di Alexis Tsipras (una specie di nichi Vendola greco, ma senza orecchino) è il gravissimo stato di astinenza da voto in cui versa il nostro disgraziato paese. Dopo avere avuto in successione ben tre governi non eletti da nessuno, partendo da Monti, per arrivare a Mr. Bean Renzi, attraverso l'interregno di Enrico Letta, è comprensibile che ci si accalori (magari oltremisura) per qualcuno che viene eletto altrove, dal momento che l'idea di un governo che esca da elezioni, rappresenta ormai per noi un mito inarrivabile....

martedì 20 gennaio 2015

Fornerendum

Marco Cedolin


Diciamocelo in tutta franchezza, quanti di noi credevano seriamente che i camerieri posti a dirigere la colonia Italia, per conto delle grandi banche internazionali, della cricca Usraeliana e di un'altra dozzina di entità sovranazionali, avrebbero permesso la cancellazione della riforma Fornero, una delle pietre miliari su cui si regge l'intero progetto UE di riduzione in schiavitù di chi in Italia ci vive?
Spero pochi, magari molto giovani e ancora refrattari alla disillusione, oppure scarsamente informati sulle dinamiche attraverso le quali il potere protegge e preserva sè stesso ad ogni costo.....

lunedì 12 gennaio 2015

Liberté, ma solo pour parler

Marco Cedolin

La strage avvenuta a Parigi, dove una presunta cellula terroristica di Al Quaeda ha ucciso 12 persone all'interno della redazione del giornale satirico Charlie Hebdo, e tutta la grancassa mediatica che ha fatto da corollario al massacro, alla caccia all'uomo in stile hollywoodiano, alle sparatorie, agli ostaggi, all'indignazione popolare, sembrano ricalcare la trama di un b - movie raffazzonato e scarsamente credibile. Senza dubbio si potrebbero scrivere pagine e pagine analizzando le incongruenze che trapelano dalla ricostruzione ufficiale della vicenda, tentando di comprendere la reale natura dei mandanti dell'attentato, sforzandosi di cogliere il cui prodest che alligna alla base dell'intera vicenda.....