mercoledì 30 dicembre 2009

Un Anno di miserie


Marco Cedolin
Nel volgere indietro lo sguardo al 2009 che sta terminando è forte la sensazione di esserci soffermati troppo spesso a guardare la pagliuzza che allignava nell’occhio altrui, senza fare più di tanto caso alla trave conficcata nel nostro.

E’ stato l’anno della crisi economica, con il PIL di tutto l’Occidente in caduta libera come non accadeva da molto tempo. Una crisi rappresentata però dal circo mediatico con lo sguardo rivolto al paese immaginario del Mibtel e del Nasdaq e ben poca attenzione nei confronti del paese reale fatto di fabbriche che chiudono, disoccupati, famiglie ridotte sul lastrico. Una crisi, quella del paese immaginario, che nelle parole di politici ed economisti starebbe già volgendo al termine, simile ad una sfuriata temporalesca primaverile. Una crisi, quella del paese reale, che sta acuendosi sempre più, senza che si vedano i prodromi di un’inversione di tendenza, semplicemente perché nessuno si è sentito in dovere di analizzarne le vere cause (globalizzazione e modello di sviluppo) e adottare le opportune contromisure (mutamento radicale del modello di sviluppo) che sarebbero risultate politicamente scorrette e scarsamente gradite ai grandi poteri finanziari che attraverso la globalizzazione ed i licenziamenti stanno costruendo sempre nuovi profitti.

E’ stato l’anno del drammatico terremoto in Abruzzo, “usato” dal governo (che tutto sommato ha gestito discretamente la situazione) come vetrina all’interno della quale specchiarsi. E della tragica strage di Viareggio, dove decine di persone sono morte, bruciando come torce, a causa dell’esplosione di un convoglio ferroviario difettoso che durante la notte attraversava la stazione. Una strage, quella di Viareggio, presto colpevolmente dimenticata dai grandi media e dalla politica, in quanto sarebbe stato difficile spiegare agli italiani con quanto pressappochismo e mancanza di rispetto per le più elementari norme di sicurezza, viene gestito il trasporto delle sostanze altamente pericolose sulle rotaie ferroviarie. Ma anche l’anno delle frane e degli smottamenti, a cominciare dal disastro di Messina, causa della cementificazione selvaggia e dei mancati investimenti nella cura del territorio.

E’ stato l’anno della truffa della pandemia dell'influenza suina, utilizzata dai governi mondiali per ottenere un cospicuo trasferimento di denaro dalle tasche dei contribuenti a quelle di Big Pharma, attraverso l’acquisto di milioni di dosi di un vaccino tanto inutile quanto pericoloso, destinato ad ingrossare a breve la montagna di spazzatura che già ammorba il pianeta.

E’ stato l’anno del premio Nobel per la pace a a Barack Obama, già trasformatosi anzitempo nello scarafaggio di kafkiana memoria, pronto a spedire in Afghanistan 30.000 nuovi soldati, nonché a rinverdire l'ologramma del terrorismo per giustificare il prossimo raid americano nello Yemen. Ed è stato l’anno del massacro di Gaza, quando nel corso dell’operazione piombo fuso, di fronte al colpevole silenzio omertoso delle “democrazie” occidentali, l’esercito israeliano ha ucciso (con l’ausilio di un vasto campionario di armamenti) oltre 1400 cittadini palestinesi, in larga parte giovani e bambini.

E’ stato l’anno dell’entrata in vigore del Trattato di Lisbona che di fatto sovrascrive le varie costituzioni nazionali, rendendole simili a carta straccia e promuove a pieni titoli l’Europa dei banchieri e dei faccendieri senza scrupoli, annientando quella dei popoli.

E’ stato l’anno di Mauro Moretti, ad delle Ferrovie, che con cadenza mensile ha inaugurato
il nuovo TAV italiano, dispensando orari di fantasia che i treni sistematicamente non riescono a rispettare e nel contempo è riuscito a far toccare alle ferrovie italiane il punto più basso della loro storia, quando durante le recenti nevicate dicembrine di fronte al collasso del sistema (ormai ridotto in condizioni disastrose) non ha trovato di meglio che consigliare ai viaggiatori di portarsi appresso coperte e panini per affrontare le conseguenze del viaggio con Trenitalia.

Ma è stato anche l’anno delle veline e di Berlusconi, della D’Addario, di Marrazzo e dello scandalo trans, del crocefisso negato nelle scuole, della soppressione di una libertà di stampa mai esistita in Italia, del best seller “Papi” di Marco Travaglio alle prese col rinnovo del proprio contratto in RAI, delle primarie del PD, della “rivoluzione viola” del NO B Day, della FIAT “eroica” che investe all’estero ma chiude gli stabilimenti in Italia, della completata metamorfosi (ancora Kafka) dell’ex camerata Fini Gianfranco da pupillo di Almirante a pupillo del centrosinistra, della statuetta del Duomo lanciata da Tartaglia sul muso del Premier, della conversione del salapuzio Berlusconi dall’amore per il proprio ego a quello per il prossimo, di Bruno Vespa che litiga con Floris, “dell’erudito” Gianni Riotta che consiglia Wikipedia come punto di arrivo dell’informazione, dei soldati italiani che oltre a fare la guerra in Afghanistan presidiano le discariche e spalano la neve a Milano e di Nichi Vendola liquidato dal PD perché non piace a Casini.
Insomma, senza dubbio un ottimo viatico per il 2010 che sta arrivando, carico di grandi problemi e altrettanti specchietti per le allodole, costruiti con lo scopo precipuo d’indurci a spostare il nostro sguardo dall’altra parte, meglio se sulla schedina del superenalotto che proprio quest’anno ha festeggiato il record d’incassi.

11 commenti:

lorenzo ha detto...

Analisi molto precisa ed approfondita nei particolari.Riotta poi,degno solo del giornalino della parrocchia(se provvista di pc e adsl!!!!)

Anonimo ha detto...

errata corrige:
"...la messinscena del duomo sul muso.."

ciao

Alba kan. ha detto...

"E’ stato l’anno dell’entrata in vigore del Trattato di Lisbona"

Il 2010 invece sarà l'anno in cui cominceranno a rivelarsi le conseguenze del trattato, forse il peggio deve ancora venire...
;(

Buon Anno a tutti

marco cedolin ha detto...

Al di là delle miserie un grande Augurio di Buon Anno a tutti!!!
Probabilmente non sarà migliore, ma noi saremo sempre qui a cercare di raccontarlo, frugando fra le pieghe della disinformazione.

Marco

SCHIAVI O LIBERI? ha detto...

Noi ci siamo, e dobbiamo in ogni caso provarci perchè ne pagheremo comunque le conseguenze.
Auguri caro Marco.
Un caro saluto.
Marco.

Tina ha detto...

Il 2010 si presenta peggio, Brunetta propone di cambiare l'art. 1 della carta costituzionale...
Buon anno Marco, almeno speriamo che lo sia.

Anonimo ha detto...

Non è che il 2010 sia iniziato meglio.....

A Graviano tolto il 41bis......

Vane.

Marco ha detto...

E un articolo de "la Stampa" di oggi titola:
"L'inflazione ai minimi da 50 anni"
-
Nel 2009 crescita dello 0,8%
ROMA
Mai così bassa negli ultimi 50 anni. L’inflazione nel 2009, anno di crisi mondiale, in Italia si è fermata ad una media dello 0,8%, ai minimi dal lontano 1959, quando l’indice nazionale dei prezzi al consumo per la verità fu negativo e segnò un -0,4%. Fu l’ultimo caso di deflazione annua registrato nel Paese in coincidenza con l’avvio del boom economico.

-
Magari poi qualcuno ci crede anche...

Saluti

PS ovviamente articolo "rubato ;-))

Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Anonimo ha detto...

Ciao Marco, in ritardo (sto in sicilia!)
leggo i tuoi ultimi post.

Su Vendola ti allego la riflessione di Carlo Vulpio, di cui consiglio -anche- il libro su Taranto "La città delle nuvole":


sappimi dire che ne pensi della vicenda pugliese e se hai voglia, ti propongo di farci un post più approfondito.

Un caro saluto e un augurio per il 2010!
Dipende sempre da noi che le cose vadano meglio.
Roberto

marco cedolin ha detto...

Ciao Roberto,
non mancherò di proporti qualche riflessione sulla vicenda pugliese, chissà magari anche sotto forma di articolo :-)