giovedì 7 agosto 2008

Il Dal Molin nelle mani della CMC

Marco Cedolin

Dopo la sentenza del TAR del Veneto del 18 giugno scorso che aveva accolto il ricorso concernente la sospensione dei lavori, dichiarati illegali ed illegittimi, per la costruzione della nuova base americana Dal Molin a Vicenza, poi annullata il 29 luglio dal Consiglio di Stato che aveva ritenuto la decisione del governo un “atto politico insindacabile dal giudice amministrativo”, ci troviamo dinanzi ad una nuova svolta della controversa vicenda che vede larga parte dei cittadini vicentini contrapporsi agli interessi militari americani.

Ieri l’area ovest dell’aeroporto Dal Molin è stata infatti formalmente consegnata alle cooperative rosse che saranno responsabili della commessa di 245 milioni di euro concernente la progettazione e la costruzione delle nuove infrastrutture americane. La CMC di Ravenna e la CCC di Bologna, già impegnate in molti fra i più importanti appalti concernenti grandi infrastrutture compresi quelli per l’alta velocità ferroviaria, hanno di fatto preso in consegna il sito per iniziare le operazioni di preparazione del cantiere e procedere con l’inizio dei lavori il cui completamento è previsto entro il 2012.

Appare chiara a questo punto la volontà del governo di non lasciare alcuno spazio alla mediazione con i comitati di cittadini che da anni si oppongono alla costruzione della nuova base americana e ripetutamente hanno chiesto fosse indetto un referendum per coinvolgere nella decisione la popolazione destinata a subire le conseguenze determinate dalla nuova infrastruttura.
La decisione rimane pertanto “un atto politico insindacabile” calato dall’alto sulle spalle dei cittadini, con il rischio sempre più concreto che anche a Vicenza, come in Valle di Susa nel 2005, la situazione nei prossimi mesi rischi di degenerare in un muro contro muro fra la popolazione e le forze dell’ordine, con le tragiche conseguenze che si possono facilmente immaginare.

Chi sono CMC e CCC?

Oltre all’ampliamento della base di Sigonella la Cmc ha operato in qualità di general contractor nella costruzione di molte tratte Tav, fra le quali la tratta Bologna–Firenze dove, facendo parte del consorzio Cavet insieme ad Impregilo e Fiat Engineering, risulta imputata in un processo per devastazione ambientale, in quanto i lavori di scavo delle gallerie prosciugarono le sorgenti e inquinarono il territorio con fanghi contenenti oli minerali. Negli anni ‘90 costruì parte della metropolitana milanese. Nel 1998 partecipò al consorzio italo–colombiano Impregilo– Minciviles per la costruzione della centrale idroelettrica Porce, che non fu portata a termine e determinò un contenzioso giudiziario per inadempimento contrattuale. Nel 2004 si aggiudicò il primo lotto della Salerno–Reggio Calabria per 678 milioni di euro senza rispettare il termine dei lavori previsto. La Ccc ha collaborato nella costruzione delle tratte per l’alta velocità ferroviaria e si è aggiudicata sostanziosi appalti nell’ambito delle Olimpiadi invernali di Torino 2006, dove ha costruito i trampolini per il salto di Pragelato, il secondo lotto della pista da bob di Cesana e parte del villaggio olimpico di Torino. Ha inoltre costruito varie infrastrutture dell’aeroporto L. Da Vinci e della stazione di Roma Termini.

6 commenti:

LucaCec ha detto...

Se non erro, entrambi i gruppi appartengono alla Lega delle Cooperative, vicine all'area dell'ex Pci, e appartenenti al novero di quelle che un tempo si chiamavano cooperative rosse.

Orizzonte ha detto...

Alla faccia delle cooperative rosse! Comunque anche qui a Livorno i lavori del rigassificatore offshore al largo della nostra costa contro cui ci stiamo battendo (www.offshorenograzie.it) sono eseguiti in gran parte dalla Cooperativa "La Variante" sempre della stessa area.
Dove si mangiuca Dio ci conduca.
E questi mangiucano tanto!
Un saluto Enrica

marco cedolin ha detto...

Ciao Luca,
è esattamente come dici tu.
La CMC inoltre era l'impresa deputata a costruire nell'autunno 2005 il tunnel geognostico di Venaus in Valle di Susa che fu oggetto degli scontri.

marco cedolin ha detto...

Ciao Enrica,
conosco il problema del rigassificatore offshore di Livorno e spero che la vostra opposizione riesca ad avere successo.

Nel cemento mangiano a più non posso tutti i gruppi di potere a prescindere dalla loro estrazione e dal loro colore.

Un caro saluto
Marco

Anonimo ha detto...

quello che stavo cercando, grazie

astrotenor ha detto...

"(DI VERGOGNA)"


Joe Fallisi



[23 febbraio 2011]
Ci si soffermi un attimo sulla notizia dell'assegnazione alle Cooperative rosse (di vergogna) dei lavori per l'erigenda base all'hamburger. Dunque, a Vicenza, dopo un'eroica lotta fischiailventobellaciao, il "Consorzio Cooperative Costruzioni di Bologna" e la "Cooperativa Muratori e Cementisti di Ravenna" si sono beccati l'appalto(*). Complimenti vivissimi, compagni (avantieilgranpartito)!... dei veri internazionalisti!... degli autentici partigiani!... Ah, ma se non ci riuscivamo noi, se lo cuccavano dei consorzi faSSSisti, di "destra"! ve'... BRUTTE FACCE DI MERDA DELINQUENZIALI, FETENTI SBIRRI CATTOSTALINIANI, PARASSITI BUROCRATICI, CULMINE E COMPIMENTO DI TUTTE LE FALSITA' DELLA VOSTRA STORIA SCHIFOSA - DAL RABBINO TIRANNICO DI TREVIRI SINO AL LURIDO PALMIRO, AL GELATINOSO VELTRONI, A BAFFETTO RADIOATTIVO, AL CONTABALLE DALLA ERRE MOSCIA -, vi auguro solo di rimanere inquinati a morte dall'uranio, da quelle stesse bombe e munizioni di cui preparerete l'ennesimo magazzino in Italia.

(*) Cfr. http://www.sdlintercategoriale.it/content/view/1554/235/lang,it/

------

(https://it.groups.yahoo.com/neo/groups/libertari/conversations/messages/102578)