martedì 19 giugno 2018

Vogliono farvi litigare!

Marco Cedolin

Quando contro ogni previsione un paio di settimane fa, dopo 88 giorni di tira e molla, confusione e veti presidenziali, il governo Conte vide finalmente la luce, fu subito chiaro a tutti come si sarebbe trattato di un percorso ad ostacoli assai accidentato, dal momento che il suo incedere sarebbe stato ostacolato con tutti i mezzi possibili, leciti ed illeciti.
Le forze (nazionali e non) che da sempre detestano gli italiani e li vogliono prostrati e con il capo chino sono coscienti di avere ancora fra le proprie mani un potere immenso. Gestiscono praticamente la quasi totalità dell'informazione cartacea e televisiva, gestiscono il 90% degli uomini dello spettacolo, gestiscono i sindacati, gestiscono il sistema bancario e la finanza. Gestiscono in parole povere quasi tutte le leve del potere, anche se in questa occasione, per quello che mi piace considerare uno strano scherzo del destino, non sono riusciti a gestire il voto degli italiani....


Il loro unico e vero nemico oggi non è costituito da Salvini o Di Maio, ma dall'opinione pubblica, perché il governo Conte non è in questo momento sostenuto solamente dagli elettori di Lega e 5Stelle, ma anche da molti altri milioni di italiani (come me) che hanno votato altro o non hanno votato affatto e gode di una popolarità mai sperimentata in tempi recenti.

Di fronte ad una situazione di questo genere, ogni rimbrotto di un politico di opposizione, ogni sparata di un guitto da salotto, di un banchiere o di un imprenditore compiacente, non fanno che rafforzare il sostegno popolare al governo e questo non può che essere chiaro anche a chi ha fatto dell'arroganza e della supponenza una ragione di vita.

L'unica arma rimasta nelle mani di questi signori ( ma si tratta di un'arma potentissima) è il dividi et impera che nella fattispecie deve concretarsi nel dividere Di Maio da Salvini o più precisamente nel provocare un profondo scollamento fra i sostenitori di 5S e della Lega, affinchè si rivoltino gli uni contro gli altri.

Sapendo che esiste un terreno fertile in questo senso, stanno spendendo ogni energia per far si che tale scollamento si concretizzi. Alimentano polemiche e litigi, ricamando fra le pieghe di ogni affermazione fatta da Salvini, diffondono sondaggi totalmente privi di ogni valenza statistica per indurre l'elettore di 5S a pensare che la Lega stia cannibalizzando il proprio movimento e quello della Lega a fantasticare sul fatto che qualora si tornasse ad elezioni il suo partito diventerebbe la prima forza politica in Italia. Seminano zizzania e malumore in tutte le maniere possibili, praticando il "giochetto della questura" dove i due sospettati vengono convocati ciascuno in una stanza e ad entrambi viene fatto credere che il complice ha già confessato facendo il suo nome. Insomma giocano sporco che più sporco non si può, senza porsi alcun problema, sia perché sono totalmente privi di ogni etica e non hanno alcun rispetto per il cittadino, sia perché la posta in gioco è altissima.

Ora tocca a voi, italiani, elettori di Lega e 5S o meno, decidere se cadere nel tranello che vi riporterà a strisciare con il capo basso o se tenere la testa alta con fierezza e mandarli tutti a quel paese, giudicando il governo per quel poco che riuscirà a fare, ma che sicuramente non hanno mai fatto coloro che l'hanno preceduto.

1 commento:

Fausto Feltrinelli ha detto...

Tutti questi tentativi pubblicando notizie totalmente false ed inventate,al fine di corrompere l'opinione pubblica,per far litigare i due partiti e far cadere il governo,sono la chiara dimostrazione che tutti i partiti di opposizione, pur di salvare i propri interessi parsonali,cercano di danneggiare l'intera attuale compagine governante che con dimostrata Buona Volontà, Capacità, e Soprattutto ONESTA', nonostante gli innumerevoli bastoni tra le ruote che quotidianamente gli vengono posti dalle alte sfere, stanno tentando con lodevolissimo successo di risollevare la Nazione dall'abbisso in cui l'hanno lasciata cadere i vari governi che hanno governato questo ultimo decennio. Loro continuano ad inventare e pubblicare falsità,convinti nella loro elementare piccolezza mentale,di rivolgersi al solito popolo di beoti degli anni passati. Non si sono ancora resi conto che il popolo italiano ha finalmente aperto gli occhi, ed ora riesce a distinguere l'onesto dal disonesto, soppesando sensatamente le solite chiacchiere,e dare maggior credito ai reali fatti. Di individui creduloni e babbei che piacciono a voi, da sfruttare,ne è rimasta una minima parte, un piccolo numero, non bastante per farvi risollevare il capo. Avete tratteto troppo male questa povera Italia,e gli italiani si sono ribellati in blocco.