lunedì 20 febbraio 2012

Il poliziotto buono e quello cattivo

Marco Cedolin
La chiamano “riforma del lavoro” e si tratta di un argomento che sicuramente terrà banco per almeno tutto il prossimo mese. Lacrima Fornero assicura che si prodigherà esclusivamente per il bene dei lavoratori, Mario Monti, più che mai impegnato nel cambiare il modo di vivere degli italiani , promette che la “riforma” sarà pronta per il varo entro la fine di marzo, mentre i sindacati sempre più in crisi di credibilità, giocano a fare il poliziotto buono e quello cattivo, sperando di sfangarla senza troppi problemi anche questa volta.
Partendo dalla premessa che il lavoro semmai andrebbe creato (ma di prestigiatori in gamba in giro ahimé se ne vedono pochini) e non certo riformato, dal momento che avrebbe poco senso riformare qualcosa che sta andando incontro all’estinzione, occorre prendere coscienza del fatto che tutto quanto ci verrà riproposto nelle prossime settimane altro non sarà che un misero teatrino, con tanti mestieranti impegnati a recitare ciascuno la propria parte, affinché alla fine dei giochi questa commedia dell’assurdo possa andare in porto.
Quella che Monti ed il suo coccodrillo intendono portare a termine nel più breve tempo possibile non è una riforma del lavoro……


ma semplicemente la traduzione in pratica degli ordini a suo tempo impartiti dalla BCE e dal FMI, che impongono, come già avvenuto in Grecia, la “cinesizzazione” del lavoratore, da praticare attraverso tutta una serie di provvedimenti che lo rendano sempre più vulnerabile, precario e disperato, con la conseguenza di ottenere uno “schiavo” in lacrime rassegnato a lavorare molto e mangiare poco.

Si parla e si parlerà di art.18, di cassa integrazione, di mobilità o sussidi, ma il fulcro della questione non verte assolutamente intorno a questi termini. Gli argomenti che coloreranno i paginoni dei giornali, sono solamente la cortina fumogena utilizzata per fuorviare l’attenzione dell’opinione pubblica, indirizzandola verso falsi obiettivi.
I sindacati (vera e propria quinta colonna dei banchieri) daranno vita alla farsa del poliziotto buono e di quello cattivo. Con Cisl e UIL pronte ad inchinarsi di fronte a Confindustria e la CGIL disposta ad immolarsi per difendere con furia belluina la sopravvivenza dell’art. 18. La Fiom andrà perfino oltre, proponendo una giornata (di quelle poi tutti a casa felici e contenti) di sciopero per dimostrare la propria contrarietà.

Per un mese si discuterà, si “combatterà”, fiumi di parole prenderanno corpo sui giornali e in TV. Battaglie all’ultimo sangue (di rapa) faranno da contraltare ai simposi degli economisti e dei giuslavoristi. Sindacalisti “buoni” si accapiglieranno con quelli “cattivi”, dividendo in due le platee dei talk show.

Prima che come anticipatamente concordato fra tutti i contendenti, vengano tradotti in pratica gli ordini della BCE e dell’FMI, pronti per essere immediatamente votati dai camerieri in parlamento e dare il via alle raffiche di licenziamenti.
Il lavoro, o ciò che ne resta, probabilmente non ne uscirà riformato, ma il lavoratore, quello si, sperimenterà cose che mai aveva neppure immaginato. E i poliziotti di cui sopra? Resteranno eroi senza macchia e senza paura, loro ci hanno provato, hanno indetto perfino 8 ore di sciopero, prima che il senso di responsabilità li inducesse a scegliere il male minore che è un alibi buono per tutte le occasioni e per tutti i poliziotti.

4 commenti:

Michele Brunati ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Michele Brunati ha detto...

Ciao Marco,

la "cinesizzazione" del lavoratore avrà successo nella misura in cui tutti noi occidentali staremo al gioco perverso della crescita infinita dell'industrialismo e dei nostri desideri.

Se i popoli avranno la capacità d'intendere e poi di uscire da questo gioco perverso, il sistema che ora ci rapisce la vita si scioglierà come neve al sole.

Cerchiamo di non cadere nel tranello secondo il quale dobbiamo buttare il nostra automobile per il solo fatto che il nuovo modello ha subìto il restyling della calandra, e tanto meno per questo pensare che se cade il mercato dell'auto siamo tutti col sedere per terra.

Quando mai capiremo che non siamo nati a "viver come bruti" per costruire e consumare cianfrusaglie, ma per "seguire virtute e conoscenza".

Quando l'occidente capirà questo semplice ma profondo monito dantesco non ci sarà più bisogno dell'articolo 18 o di "creare lavoro" perché la nostra esistenza allora avrà delle finalità molto più nobili.

-- Michele

P.S.
Colgo l'occasione per dire che la mia indiscussa prolissità nel trattare gli argomenti mi ha portato a creare un blog personale, piuttosto che riempire a dismisura quello degli altri... ;-)
Da qualche giorno mi trovo su:
http://lespediente.blogspot.com
(Attenzione alla vernice fresca...!)

Gianni Girotto ha detto...

Per cercare di essere propositivi, suggerisco di leggere i libri "L'anticasta" e "Voglia di cambiare", che elencano i migliori esempi virtuosi, rispettivamente in Italia il primo, e all'estero il secondo, in materia di lavoro, energia, edilizia, ambiente, logistica, rifiuti ecc. Li potete leggere gratis su http://giannigirotto.wordpress.com/indispensabili/libri/

barbaranotav ha detto...

ciao