domenica 3 maggio 2009

Il lusso a Kabul


Marco Cedolin
Molti sicuramente ricorderanno Buskashì, il libro all’interno del quale Gino Strada raccontava i giorni dell’invasione americana dell’Afghanistan, ritrovandosi ad essere uno dei pochissimi testimoni occidentali ad avere assistito alla presa di Kabul.
Proprio negli ultimi capitoli di Buskashì, Gino Strada descriveva il nuovo volto della Kabul “liberata”, dove si moltiplicava la presenza delle ONG, (fuggite nelle settimane dei bombardamenti) dei grandi network televisivi, dei diplomatici e sedicenti tali, tutti con grandi disponibilità di denaro. “Centinaia di jeep nuove fiammanti fanno la spola fra i ministeri. L’aeroporto è ancora più trafficato del bazar, aerei ed elicotteri in continuazione volano così basso da far tremare i vetri”. Con queste parole Strada tentava di rendere il senso della situazione, aggiungendo che tutto lo staff dell’ospedale di Emergency era stato sfrattato dalla casa in affitto in cui viveva da tempo, poiché una ONG molto “ricca” aveva offerto 5000 dollari al mese contro i 300 pagati dal personale fino a quel momento.

Oggi, a molti anni di distanza da quei giorni, un articolo comparso sul quotidiano inglese The Indipendent offre un interessante spaccato sulla “realtà dorata” nella quale vive la nuova elite di Kabul, mentre in tutto l’Afghanistan stragi e massacri di civili continuano a susseguirsi senza sosta.
L’inchiesta del quotidiano inglese mette in evidenza come i consulenti stranieri a Kabul siano retribuiti sontuosamente con stipendi che vanno dai 250.000 ai 500.000 dollari l’anno, mentre la popolazione locale si dibatte nella miseria più nera. Al tempo stesso sottolinea il fatto che larga parte degli aiuti economici stanziati a livello mondiale in favore dell’Afghanistan in questi anni, anziché contribuire al sostegno del paese hanno finito per rimpinguare le casse delle società private occidentali e mantenere l’alto tenore di vita dei loro funzionari.
A questo riguardo è interessante notare come interi quartieri di Kabul siano stati ricostruiti in maniera sfarzosa per ospitare le sedi di ambasciate ed ONG occidentali, mentre il 77% dei cittadini afgani ancora oggi non ha accesso all’acqua potabile. Altissimi sono anche gli esborsi economici destinati a salvaguardare l’incolumità dei funzionari occidentali, dal momento che ogni abitazione deputata ad ospitarli è stata convertita in una vera e propria fortezza ed i loro spostamenti avvengono sotto scorta, molte volte con l’ausilio di mezzi blindati ed elicotteri. Le imprese occidentali deputate alla ricostruzione delle infrastrutture (molte delle quali statunitensi) continuano ad ottenere enormi profitti, incassando cifre molto superiori a quelle necessarie per eseguire i lavori, che vengono poi sub appaltati ad imprese afgane mal retribuite. Tutto ciò ha finora fatto si che il grande sforzo economico messo in atto dall’occidente per la ricostruzione, non si sia tradotto in una riduzione della disoccupazione fra i giovani afgani (come sarebbe stato auspicabile) indispensabile per evitare loro un futuro di guerriglia e feroce repressione militare, ma abbia semplicemente contribuito ad incrementare gli utili delle grandi imprese di costruzione occidentali.
Sfarzose ambasciate e lussuose sedi di ONG ed imprese private occidentali, con il loro corredo di guardie del corpo, jeep blindate nuove fiammanti ed hotel extralusso, alimentano il contrasto stridente fra il business dell’Occidente in Afghanistan e la penosa situazione nella quale la popolazione afgana continua ad essere costretta a vivere. Dopo 7 anni dalla “liberazione” oltre 25 milioni di afgani sono costretti a sopravvivere con meno di un dollaro al giorno, l’aspettativa di vita è di 45 anni, il tasso di alfabetizzazione risulta del 34% e oltre il 55% della popolazione vive senza elettricità, nonostante durante questi 7 anni un considerevole fiume di denaro pubblico abbia continuato a scorrere dai paesi occidentali in direzione Kabul. Senza dubbio non mancano gli elementi sui quali è imperativo riflettere.

7 commenti:

Anonimo ha detto...

Mi pare che si stia applicando il pricipio della dinastia Pareto, la legge del 20=80, il 20% della popolazione mondiale sfrutta l'80% per fare i comodi suoi.
Non scordiamoci che i talebani nell'andarsene, all'aeroporto stringevano le mani di chi li faceva salire sugli aerei. Il secolo breve se n'e' andato partorendo il secolo violento, ma delle dinastie che prima della rivoluzione francese hanno dando vita a ogni forma di prevaricazione si sono lasciate le tracce e gli esempi da seguire.
Tina Campolo

Alba Kan ha detto...

Come non essere d'accordo con Tina (sopra)...temo che le proporzioni sono diverse 10=90!
Io oramai provo digusto quando sento parlare di ONG. Come del resto anche della Nato, Onu, Fao ecc.
A cosa servono?
La gente che soffre la fame quando arrivano "questi", può essere certa che morirà di fame.
La corruzione è globale come la crisi...(che ci sia qualche nesso?)
Ma non c'è nessuna inversione di rotta, le tragedie umane sono sempre le stesse negli anni, perchè questa MAFIA è sempre lì.

marco cedolin ha detto...

Riguardo alle proporzioni in effetti non credo si vada oltre il 10%.

Senza dubbio all'interno delle ONG lavorano anche molte brave persone la cui ambizione maggiore è quella di aiutare gli altri. Resta comunque il fatto che la maggioranza delle organizzazioni "umanitarie" insieme all'ONU, alla Banca Mondiale et similia, rappresentano spesso una vera e propria iattura per le popolazioni che diventano oggetto del loro interesse.

niforcheri@tiscali.it ha detto...

chi stanzia fondi in afghanistan in realtà non li dona ma applica il principio bancario dell'indebitamento. I soldi te li do ma mi devono tornare indietro moltiplicati. e così fanno, sono magari soldi pubblici (cioé i nostri) che passano dal governo e che tornano ai "foreign contractors" sul posto e anche molto in "bribes"; gli appaltanti danno in subappalto ai locali. Succede anche da noi con le multinazionali estere che operano nel nostro paese. E' la cartolarizzazione degli appalti. Manca un dettaglio: quei soldi pubblici in realtà sono stati prodotti da una banda di privati, gli azionisti della federal reserve, che li vogliono moltiplicati e destinati nelle loro aziende e ong (spin off di grosse corporation). elementare...

marco cedolin ha detto...

Cara Nicoletta,
la tua analisi concernente le dinamiche attraverso le quali banche e multinazionali suggono enormi profitti attraverso la "ricostruzione" negli stati occupati militarmente non fa una piega. In effetti il meccanismo è esattamente quello che hai descritto tu.

Anonimo ha detto...

good start

Anonimo ha detto...

Hey are you a professional journalist? This article is very well written, as compared to most other blogs i saw today….
anyhow thanks for the good read!