mercoledì 13 giugno 2018

Buona la prima, ma la strada è lunga

Marco Cedolin

Senza dubbio il respingimento della nave negriera Aquarius, insieme alla promessa di chiusura dei porti italiani a qualsiasi altra imbarcazione degli scafisti delle Ong intenda attraccarci, rappresenta una pietra miliare nella lotta al business dell'immigrazione selvaggia ed un primo successo del governo Conte. Un plauso naturalmente a Matteo Salvini, ma uno ancora più grosso al ministro Toninelli, che ha saputo tenere la barra dritta, nonostante non tutta la base del suo partito fosse disposta a sostenerlo su questa strada….


Nonostante il proverbio dica che “Chi ben comincia è a metà dell'opera”, la strada per un vero contrasto al business dell'immigrazione selvaggia è ancora molto lunga e purtroppo tutta in salita.

Se le manifestazioni dei no borders (In verità pochini) e le minacce di espatrio di qualche cialtrone radical chic rappresentano in fondo solo elementi di folklore, ben più seria sarà la risposta dell'elité che gestisce la globalizzazione mondialista e non ha alcuna intenzione di fare alcun passo indietro riguardo ad uno dei pilastri cardine del proprio progetto. Così come altrettanto seria sarà la risposta di tutto l'universo finto umanitario che gestisce il business miliardario del traffico di esseri umani e dell'accoglienza, disponendo di finanziamenti ed appoggi politici della massima rilevanza.

Senza ombra di dubbio nei prossimi giorni e settimane i grandi poteri utilizzeranno ogni arma in proprio possesso, per dare una dura lezione al governo Conte e agli italiani, come si è già potuto facilmente intuire dalle scellerate parole dei governi francese e spagnolo (schiumanti rabbia) e dal fatto che stamani in Libia siano già stati raccolti e messi in fila per un passaggio in Italia ben 50mila profughi.

Mai come adesso occorrono determinazione e calma da parte di tutti. A cominciare dal governo che dovrà dimostrare la stessa fermezza manifestata nei giorni scorsi, senza mostrare alcuna crepa e senza lasciarsi trascinare In sterili polemiche montate ad arte dalla stampa mainstream per annientarlo sul nascere. Ma anche da parte del popolo italiano (perlomeno quella parte che non vede la deportazione di esseri umani come un esercizio di umanità) che dovrà stringersi intorno al primo governo che tenta in qualche modo di rappresentarne  gli interessi.

Saranno insomma settimane difficili, ma l'emozione di sentire le parole di un governo che non ha paura di rispondere a tono a Paesi come la Francia, di fronte ai quali i suoi predecessori si genuflettevano regolarmente cospargendosi il capo di cenere non ha davvero eguali.

4 commenti:

Pike Bishop ha detto...

Ho come la sensazione che questo governo non sia cosi' isolato come sembra, ed effettivamente ABBIA Santi in Paradiso che lo proteggono, visto che ambedue i Partiti che lo compongono sono il risultato di forze estranee al Paese che ne hanno sanzionato la nascita e la crescita a tavolino (anche se la Lega non ha piu' niente in comune con quella dei primi tempi). Chi vivra' vedra': non sara' quello su cui non sono d'accordo con altri a dircelo, ma atti positivi di governo a farci sapere se i miei fondati sospetti sono azzeccati.

Maurizio ha detto...

"forze estranee al Paese che ne hanno sanzionato la nascita e la crescita a tavolino"

Sono stato militante nella Lega Nord (nel frattempo anche Segretario di Sezione, di Circoscrizione e Delegato al Congresso Federale) dal 1993 al 2002, me ne sono andato perché sotto la reggenza Cota ho visto cose che non mi piacevano, mi sono riavvicinato nel 2014 perché Salvini stava adottando le idee economiche di Bagnai, che seguo dalle origini del suo blog, sono tornato a votare Lega e nessuno me lo ha mai deciso a tavolino. Questo è complottismo che scredita i complottisti, perché i complotti esistono, ma pensare che quanto sta accadendo sia il risultato di forze estranee al Paese è una roba fuori dal mondo (Sarebbe come dire che Bagnai ha agito fin dall'inizio su commissione: ma siamo seri!). C'è chi gioca a favore e chi gioca contro, come è normale in tutte le cose, perché molteplici, mutevoli e talvolta imperscrutabili sono gli interessi che attraversano le varie situazioni, ma pensare che ci sia una Spectre che tira le fila di tutto in attesa che arrivi un James Bond a fare saltare i suoi piani è un rifiuto della complessità dell'esistente.

Tortora Giuseppe ha detto...

Salve a tutti,
Hai bisogno di un prestito per i bisogni della tua famiglia, aumenta la tua attività o il tuo business da 3.000 a 500.000 € o il 2% a un tasso di interesse del 2%. Email di contatto: tortoragiuseppe54@gmail.com o +33756857346 su WhatsApp per ulteriori informazioni

eddy shaw ha detto...

WONDERFUL Post.thanks for share..extra wait .. … real money casino