lunedì 4 luglio 2011

Assedio NO TAV, ma i teppisti sono in divisa

Marco Cedolin

Come ampiamente preventivato, la grande manifestazione contro il TAV in Val di Susa, forte di oltre 70 mila partecipanti, si è distinta per l'imponenza dei numeri, tale da dimostrare al di là di ogni ragionevole dubbio come non esista alcun spazio per la realizzazione di un'opera avversata radicalmente  dalla stragrande maggioranza della popolazione interessata dal progetto.
Giunti a questo punto, l'evidenza dei fatti, dovrebbe costituire un messaggio forte e chiaro, all'indirizzo della classe politica. I cantieri del TAV in Val di Susa non possono trovare alloggio, a meno che non s'intenda trasformare una valle alpina in un teatro di guerra permanente e militarizzare per un paio di decenni un intero territorio, al prezzo di costi economici e sociali assolutamente insostenibili.
Nonostante fosse di una chiarezza adamantina, il messaggio non sembra comunque essere stato colto dalla consorteria politica italiana che, con in testa Giorgio Napolitano, non ha saputo finora fare di meglio che lodare l'atteggiamento criminale dei teppisti dell'ordine, che per l'intera giornata hanno tentato invano con ogni mezzo d'impedire ai manifestanti di difendere il territorio in cui vivono....


Gas lacrimogeni tossici, vietati dalla convenzione di Ginevra, lanciati a centinaia sui manifestanti, spesso ad altezza uomo, a fracassare oltre ai polmoni anche le teste e le ginocchia. Proiettili di gomma, idranti, e tutto il peggior repertorio della guerriglia urbana, trasferito per l'occasione fra i boschi di Chiomonte.
Mentre i manifestanti, con tenacia arretravano, per poi tornare subito dopo sulle loro posizioni. In una sorta di battaglia fra decine di migliaia di cittadini e qualche migliaio di teppisti in divisa, che non avrebbe nessuna ragione di esistere in un paese civile.
Il tutto con l'avallo del Presidente della Repubblica, del governo e dell'opposizione, impegnati a demonizzare la popolazione (composta a loro avviso da 70 mila anarchici violenti) che è bene sia gasata con armi proibite e picchiata con altre di vario genere, perchè non vuole adeguarsi alle decisioni fatte passare sopra la sua testa.

L'assedio continua e continuerà, nei prossimi giorni e nelle prossime settimane, in attesa che qualcuno inizi a prendere contatto con la realtà, arrivando ad accorgersi che in Val di Susa esiste un problema chiamato TAV, che non può trovare soluzione gasando e bastonando i cittadini, ma necessita di risposte adeguate da parte di tutti gli attori che tentano d'imporre con l'uso della forza un progetto scellerato.
Per l'ennesima volta la Valsusa ha provato a bussare, con la speranza che qualcuno risponda. Se l'intenzione è quella di continuare a fare orecchie da mercante, nella speranza che con il tempo i valsusini si rassegnino, ritirandosi in ordinato silenzio, significa che quel "qualcuno" dimostra di non conoscere affatto la gente della Valsusa e l'orgoglio e la tenacia che le sono proprie.


24 commenti:

Anonimo ha detto...

Assedio NO TAV, ma i teppisti sono in divisa.
Come sempre,mai da quando esistono i carabinieri,la polizia e sbirri in generale sono stati qui "to serve and protect" ma sempre e soltanto per manganellare e costringerci a rispetare le leggi e decisioni dela cosi detta elite.Pero, pare che la gente si sta svegliando e prima o poi tutti loro avvrano cio che si meritano,magari una bella corda insaponata anche se sono piu favorevole al palo su per il deretano.

Alba kan. ha detto...

A proposito di Rinascita.info
Su CDC mi hanno segnalato una cosa...
Dopo la tua richiesta di "chiarezza" e la seguente intervista....ci sono ricascati:

http://www.rinascita.eu/index.php?action=news&id=9240

Come dire...
"Una botta al cerchio e una alla TAV"
;)

Anonimo ha detto...

@Alba: perdona la mia ignoranza ma sulla testata rivendica a gran caratteri la sua appartenenza all' ideologia di sinistra..cosa mi sono persa? parla come un club per pochi eletti...quando si tratta di affari in casa nostra, un certo disgustato distacco dai concittadini fa "chic"?

Anonimo ha detto...

oops, mi sono scordata di firmare il commento :-). Rimedio: Un caro saluto da Sofia Astori.

Anonimo ha detto...

Marco,ti segnalo questo evento su facebook https://www.facebook.com/event.php?eid=132316793517672 "Referendum sulla TAV Torino-Lione" .Dacci uno sguardo.l'idea di un referendum popolare sulla TAV non è per niente male,anzi,potrebbe essere veramente la soluzione alla questione.Grazie dell'attenzione,Salvatore..e sempre No al TAV.

Marco Schanzer ha detto...

Il messaggio e' chiaro :
contano solo i nuovi Movimenti di opinione , solo i tentativi di arrivare ad una Democrazia .
Nei confronti dei vecchi partiti , dei loro altoparlanti , degli esseri immorali che a loro sono collusi , occorre molta fermezza , molta strategia , nessunissima pazienza .
Molta attenzione va invece messa nel sapersi far capire dai piu' lenti e far vedere i benefici a lungo termine anche agli uomini zavorra che rallentano l'annullamento del regime che oggi si sente ferito .
E nel capire esattamente quali sono le regole di convivenza che finalmente si vuole proporre .

alex-roma ha detto...

quanto sei bravo a dipingere una realtà che ti piace... ignorando le spranghe, i lacrimogeni, i sassi, le mazze chiodate, gli estintori branditi dai 'manifestanti' del movimento NoTav... e i teppisti son le forze dell' ordine? Io fossi in te mi vergognerei...

marco cedolin ha detto...

Alex, io fossi in te andrei a fare in culo, però siamo ciascuno sè stesso.
Ragione per cui vai cortesemente a commentare da qualche altra parte, dal momento che non ho tempo da perdere per rispondere ai coglioni!

Anonimo ha detto...

Alex, se c'è qualcuno che si deve vergognare magari quello sei tu, elencare fatti mitologici di pura fantasia come quelli che hai messo nel tuo commento non ti fa fare una bella figura, ma probabilmente è il tuo lavoro , certo ognuno sbarca il lunario come meglio crede , il tuo modo non è molto "onorevole", comunque buon lavoro digitale. Ti pagano sempre il 27 del mese o sei a cottimo (un tot per ogni falso commento?)

Mario Zin ha detto...

@Alex: eri a Chiomonte ieri? hai visto tutto quello che hai descritto oppure sei veramente al soldo di qualcuno?

Anonimo ha detto...

Alex, mi unisco all'invito di Cedolin...credo che sia l'unico posto dove un tipo come te possa andare. Ma non mando a quel paese la tua persona come essere umano; non me la sento poichè, semplicemente, non è il mio modo di agire. Piuttosto, mando il tuo modo di pensare (sic: non-pensare)...vedo che sei di Roma...ieri eri in Val Susa? Credo che mentre oltre 70.000 persone giunte (anche dalla tua città) da tutta Italia per manifestare solidarietà ad un Popolo meraviglioso che può tranquillamente considerarsi l'orgoglio di un Paese, tu probabilmente te ne stavi a farti venire il magone per quei pupazzi in divisa che si esaltavano a scagliare pietre sulla popolazione...è in Val Susa che ho visto l'Italia ed i veri italiani...non certo il non-luogo italia (volutamente in minuscolo)che il tuo pensiero, da anni, ha contribuito a costruire! Usa il tuo pensiero e, prima di parlare, fallo con cognizione di causa e non, invece, attraverso le parole che tutti i media ti hanno messo in bocca!W la Val Susa, W il Popolo NOTAV, W la Verità!
Francesco

Anonimo ha detto...

@Alex-roma (troll)
Questi video sono dedicati a te che scrivi dalla montagna del sapone :
ieri-chiomonte : http://www.youtube.com/watch?v=ZDy8M8hS3Cg&feature=player_embedded

genova : http://www.youtube.com/watch?v=YQqti4cc4qk

Come vedi, io (a differenza tua) cerco di motivare con documenti cio' che dico. Dovresti dire ai tuoi capi di selezionare meglio il personale perchè non sei in grado di sostenere cio' che affermi, non ne hai i numeri e non ne hai l'intelligenza.
I precedenti parlano chiaro, altro che le falsità da te descritte Mr.Troll-ocop.
Cordialmente
Marco-Milano
(ps. il commento 04 luglio 2011 15:55 è il mio , mi ero dimenticato di firmare)

Anonimo ha detto...

peraltro

http://questure.poliziadistato.it/Torino/articolo-6-602-30742-1.htm

Tav: domati pericolosi incendi

Circa due ore fa gli antagonisti che da questa mattina stanno protestando con violenza contro le Forze dell’Ordine, hanno appiccato il fuoco a masserizie varie dietro la galleria Ramat, prontamente domato da personale dei Vigili del fuoco, ivi impiegati come presidio anti-incendio. Successivamente, un altro incendio di vaste proporzioni è stato provocato sotto il viadotto Clarea, quasi a ridosso dell’area cantiere, faticosamente domato, grazie anche al richiesto intervento dei mezzi aerei anti incendio del Corpo Forestale dello Stato. Allo sbarramento delle Forze di Polizia situato alla centrale elettrica, su strada dell’Avanà, è nuovamente in corso un fitto lancio di sassi ed oggetti vari da parte di manifestanti violenti all’indirizzo delle Forze dell’Ordine. Quanto detto ha provocato l’ulteriore ferimento di 2 appartenenti alle Forze di Polizia. Pertanto oltre ai 46 feriti già comunicati, si aggiungono ulteriori 5 feriti fra gli appartenenti alle Forze dell’Ordine (3 dei 5 feriti nel precedente scontro sempre presso lo sbarramento della centrale elettrica) a causa dell’aggressività espressa dai manifestanti violenti che nulla hanno a che vedere con il movimento No Tav, ma che fregiandosi delle loro bandiere, continuano imperterriti in un’azione di guerriglia senza pari, travisati ed armati di pietre e bastoni e che con corde hanno cercato di divellere i betafence ed i relativi orsogrill posti a preventiva protezione degli sbarramenti delle Forze di Polizia. Da questi manifestanti hanno giustamente preso le distante le famiglie accompagnate da bambini che, alle prime avvisaglie dei gravi e gratuiti disordini, si sono cautamente allontanate.

Anonimo ha detto...

Ciao a tutti.

Lasciate perdere il fascistello che è venuto a fare il provocatore su questo sito: la madre dei cretini è sempre incinta.
Piuttosto, se siete di stomaco forte, andate su http://www.radio3.rai.it/dl/radio3/programmi/PublishingBlock-a1e3b801-994a-41e8-8098-72f0c3bca667-podcast.html, e scaricate la puntata di oggi, "Nebbia in val Padana", di "Tutta la Città ne parla" (Radio 3). Qualcuno inizia a nominare espressamente il termine "guerra civile", e il nulla fatto a persona Sig. Virano (ma che ci ruba un sacco di euro con il suo stipendio) si permette di continuare a contare le solite balle senza che nemmeno Radio 3, che non dovrebbe essere filogovernativa, riesce a fare un contraddittorio diretto. Ma con chi si sono compromessi questi signori per essere disposti a tutto pur di costruire questa follia di ferrovia? Sarà il ricordo dell'esempio di un certo Salvo Lima a mettergli il peperoncino nel culo?
Ciao,
Maurizio

Luka78 ha detto...

Ciao Marco, è la prima volta che commento in questo tuo blog. Come sai, commento sempre in quello "storico" ( www.marcocedolin.blogspot.com ).

Volevo segnalare a tutti i tuoi lettori ( ma anche a te, se ancora non lo avevi letto ) il seguente allegato in pdf:

Le 150 ragioni tecniche del NO-TAV

Documento ad opera di Mario Carvagna, presidente di pro natura Piemonte e master di ingegneria ambientale.
Il sito da cui è tratto è:

www.notavtorino.org

Luca D'Amico

OrestePiotto ha detto...

A parte le cretinate che ha detto il fascistello alex,a parte (e mica poi tanto) le cose che le forze di occupazione ieri hanno fatto sia sul lato di Giaglione che su verso la Ramat che alla centrale, la cosa vomitevole sono i giornali .La Repubblica e' semplivemente vomitevole ,piccola considerazione sui poliziotti feriti (fonte repubblica)su 110 107 sono codice verde cioe escoriazioni ,ogni commento e superfluo.

Hector ha detto...

lasciando perdere il "cammarato", mi sa che anche a sinistra le tronzate si sprechino....A partire da un tipo che sta al quirinale e che fascio non mi pare che sia...

Luka78 ha detto...

Certo, ragazzi, "destra" o "sinistra" non fa distinzione. Le cagate provengono da entrambe le parti.

E poi, permettetemi di dirvi una cosa:
lasciamo stare ( mi ci metto in mezzo anche io ) questi termini. Se in un passato, ormai remoto, avevano qualche significato, da parecchi anni sono solo dei contenitori vuoti atti solamente a inscatolare la gente e fomentarla l'una contro l'altra.

La "destra" NON esiste, così come NON esiste la "sinistra". E a magior ragione dato che siamo in Italia, dove la politica si fa all'italiana.

Pensiamo a costruire qualcosa di vero e funzionale a tutti noi cittadini. Le etichette, che sempre hanno diviso le persone, da parecchi anni, così come scritto prima, sono scadute.
Ma forse, sotto sotto, chissà se vengono mantenute vive proprio per dividerci?

Luca

enza raso ha detto...

Grazie Luka per il link interessantissimo e completo. Condivido parola per parola l'ultimo tuo commento. Per quanto riguarda Alex mi sembra ovvio che parla così perchè purtroppo si è bevuto totalmente l'informazione di stato che ha dipinto la giornata e la manifestazione in modo totalmente falso. La cosa preoccupante è che purtroppo non è il solo :-(

Catherine ha detto...

Ciao a tutti, ho notato il commento qualunquista di quel ..Alex, e credo che non vale la pena spenderci tempo. Il parlare senza sapere è un brutto vizio; finché si limita a colpire individui insulsi e inutili possiamo anche tralasciare, purtroppo è un male molto comune tra i politici, tutti, e questo non è accettabile.
Grazie per il link Luka, queste informazioni serie sono sempre le benvenute, essendo utilissime per chi non ha ancora il cervello spappolato e vorrebbe capire come stanno davvero le cose.
Per gli altri sarebbe più decoroso stare zitti ..

marco cedolin ha detto...

Ciao Alba,
Ho visto che su Rinascita, dopo la mia intervista, hanno pubblicato alcuni articoli sull'argomento, con varie chiavi di lettura.
Considero comunque chiuso l'incidente, dal momento che il diritto di replica è stato rispettato, ed il fatto che il giornale non abbia una posizione chiara in merito al TAV rientra nel merito della normalità di una testata che non voglia schierarsi.

marco cedolin ha detto...

"E poi, permettetemi di dirvi una cosa:
lasciamo stare ( mi ci metto in mezzo anche io ) questi termini. Se in un passato, ormai remoto, avevano qualche significato, da parecchi anni sono solo dei contenitori vuoti atti solamente a inscatolare la gente e fomentarla l'una contro l'altra.

La "destra" NON esiste, così come NON esiste la "sinistra". E a magior ragione dato che siamo in Italia, dove la politica si fa all'italiana".

Condivido in pieno la riflessione di Luca, lucido ed intelligente come sempre ;-)

Alessandro ha detto...

Ho letto in molti commenti che il signor Alex viene definito "fascistello". Ora, io non so se lo sia, a me pare solo un provocatore per di più disinformato. Per il resto vi inviterei a non ideologizzare la protesta, in quanto anche un fascista convinto come me è assolutamente al vostro fianco in questa battaglia, poichè chi come voi (io non abito in Val Susa) difende la propria terra contro gli interessi di pochi merita tutto il rispetto e la solidarietà possibili. Io sono un militante di Forza Nuova e questa è la nostra posizione: http://forzanuova.org/comunicati/fiorefn-solidariet%C3%A0-luca-abb%C3%A0-leader-del-movimento-no-tav SEMPRE NO AL TAV Grazie dell'ospitalità, Alessandro

marco cedolin ha detto...

Alessandro,
per quanto mi riguarda tu qui sei sempre il benvenuto e non m'importa assolutamente nulla se un commentatore sia fascista o comunista, dal momento che intervengo esclusivamente nel merito delle sue dichiarazioni e mai mi permetterei di dissertare sulla sua appartenenza politica.
Anche io ritengo che Alex sia semplicemente un provocatore, sicuramente disinformato.
Ho letto le dichiarazioni di Fiore che sicuramente gli fanno onore.
Un caro saluto e grazie per la solisarietà!