giovedì 28 maggio 2009

Serraglio elettorale


Marco Cedolin
Tutto è grottesco nella corsa elettorale che si sta consumando sotto il sole di questa canicola prematura di fine maggio. Ad iniziare dal merito delle elezioni stesse, un parlamento europeo di cui al di là della facile mangeria si fatica assai ad evincere il senso e delle amministrazioni provinciali che a breve potrebbero ritrovarsi a non amministrare più nulla, se la soppressione delle province da tempo ventilata finirà per andare in porto.

Preso atto della scarsa salienza della consultazione, ciò che più risulta avvilente sono i toni ed i contenuti espressi dalla sarabanda dei partiti politici, con l’unica eccezione costituita dalle piccole formazioni politiche (di destra come di sinistra) che comunque sono già state deprivate a priori dal parlamento della possibilità di tramutare in rappresentanza politica i voti dei propri elettori.

I “partiti che contano” o sperano di contare stanno affrontando la campagna elettorale con lo stesso spirito con cui ci si da vita ad una sonora scazzottata al bar dello sport, in merito al contestato rigore della domenica. Lo sfrenato egotismo ed il diffuso malanimo, stanno producendo fra PD e PDL ed i piccoli partiti a loro satellizi, una serie infinita di risse verbali, attacchi alla persona e insulti gratuiti del tutto fini a sé stessi, funzionali solamente alla volontà comune di non entrare nel merito delle gravi problematiche che affliggono il paese e l’Europa tutta.
Neppure una parola riguardo al Trattato di Lisbona, alla perduta sovranità monetaria, all’Europa dei burocrati tesa ad annientare il valore aggiunto costituito dalle peculiarità delle comunità che si vorrebbero ogni giorno di più sradicate dai propri territori e dalle proprie tradizioni. Silenzio totale in merito all’Europa della precarietà, dove si cannibalizzano i diritti dei lavoratori, depauperando oltre mezzo secolo di conquiste sociali
Neppure una proposta concreta attraverso la quale affrontare la vera crisi (non l’ologramma della crisi finanziaria) di un modello di sviluppo prossimo a defungere, per effetto della quale nel corso dei prossimi anni sempre più ampi strati della popolazione si vedranno privati della possibilità di realizzare un reddito che possa consentire loro una sopravvivenza dignitosa, a dispetto di tutti i cabalisti a pagamento che pronosticano la fine della crisi senza essere in grado di produrre una sola ragione in virtù della quale l’ipotesi dovrebbe realizzarsi. Neppure un minimo cenno di autocritica per avere dato vita ad un processo di globalizzazione tanto insensato quanto controproducente, a solo beneficio dei profitti di banche e corporation. Nessuna volontà di procedere ad una riflessione in merito allo strapotere dell’oligarchia finanziaria, i cui risultati in termini di disoccupazione, povertà diffusa e progressivo annientamento dei diritti, iniziano a farsi sentire in maniera devastante.

I partiti che contano non gradiscono parlare di politica, trattandosi di temi troppo complessi all’interno dei quali è facile scivolare. Immaginate Antonio di Pietro che ha reclutato in tutta Italia una marea di candidati “sensibili ai problemi ambientali” alle prese con temi come l’incenerimento dei rifiuti, la cementificazione del territorio e le grandi opere di cui si è sempre fatto portatore. Immaginate la Lega Nord posta di fronte al tema del trattato di Lisbona che cozza violentemente con i presupposti che sono alla base della sua stessa nascita. Immaginate Franceschini che oggi domanda finanziamenti a pioggia per i disoccupati, ma in due anni di governo si è guardato bene dal destinare loro un solo euro. Immaginate lo stesso Berlusconi chiamato a sostanziare le ragioni per cui i cittadini dovrebbero rimanere ottimisti di fronte alla chiusura generalizzata delle aziende e all’aumento della cassa integrazione di oltre il 300%. Per non parlare di SL di Nichi Vendola che ha reclutato all’interno della propria formazione politica perfino i Verdi in fase di dissoluzione, pur sostenendo apertamente il TAV, i rigassificatori e l’incenerimento dei rifiuti o dell’UDC di Casini/Caltagirone impegnato a sostenere la “famiglia” attraverso l’innalzamento dell’età pensionabile ed i valori cristiani per mezzo dell’aumento delle capacità militari europee.
Accantonata la politica che è scomoda e non fa chic, meglio allora fare proprio il modello “Amici” e “Buona Domenica”, dove la rissa verbale, l’insulto, la zuffa condita dai peggiori epiteti, conseguono un’ottima resa in termini di audience e se trasposti altrove possono rappresentare la falsariga di una campagna elettorale condotta unicamente “contro” l’avversario, senza l’ambizione di effondersi in alcuna proposta politica degna d’interesse. Ultimo esempio, ma solo in ordine di tempo, di quanto grottesca sia la classe politica italiana, lo ha reso ieri il leader pro tempore del PD Franceschini che impegnato ad attaccare Berlusconi, pur avendo migliaia di argomenti legittimi e concreti attraverso i quali poterlo fare, ha preferito le offese a livello familiare, con la conseguenza di ottenere una brutta figura e fare scendere ancora più in basso il livello questa già avvilente campagna elettorale.

7 commenti:

AMD ha detto...

Ciao Marco....stavo pensando alla Nuova Caledonia come patria adottiva possibile:
cosa ne pensi?

Alba Kan ha detto...

Grandissimo Marco...poi lo sai che appena mi nomini il trattato di Lisbona sono al 7° cielo...perchè finalmente qualcuno ne parla!

In Europa non si gioca, come ci vogliono segnalare, tra due gruppi (squadre) tra i rappresentanti della destra e della socialdemocrazia. Non esiste questa partita perché semplicemente Sono la Stessa Squadra.

La stessa squadra che ha votato SI a una costituzione contro i lavoratori.

La stessa squadra che ribaltò il fallimento della stessa e rendendo vulnerabile la volontà popolare ha firmato il Trattato di Lisbona.

La stessa squadra che vota leggi che fanno vergognare e che indignano gli essere umani.

La stessa squadra che ha costruito un’Europa lontana dagli interessi dei cittadini ma molto vicina ai cuori dei banchieri.

La stessa squadra che adula Bologna come ricetta neoliberale per commercializzare l’università.

La stessa squadra che ha permesso che la corruzione finanziaria ci governasse, e quando ci hanno messo in una profonda crisi che loro hanno sostenuto con le loro politiche speculative, la loro risposta è stata che paghi il cittadino, con la disoccupazione, con abbattimenti, con aiuti alle banche trasferendo ad esse quello che poteva essere investito nei servizi. Mille di operai e lavoratori per la strada, nessun banchiere in carcere. Questa è stata la risposta dell’ Unica Squadra Che Gioca in Europa la Partita Che Loro Immaginano.

tina948 ha detto...

Confesso che, deliberatamente, mi sto tenendo lontana da ogni proclama elettorale, o meglio, da questa disgustosa e metaforica partita a tennis dove, tra un insulto di dritto, si risponde con una vagonata di escrementi di rovescio, tra un set e l'altro cerco di capire il contenuto (non degli insulti, sono chiari) ma dei programmi.
La nebbia avrebbe piu' logica. Un'ora fa, RAI3 Piemonte ha mandato in onda gli spot elettorali della regione, mi sono detta che almeno uno potevo fare lo sforzo di sentirlo, solito fumo, solito elogio a se e niente programma, stavo per spegnere e sento lo spot di "forza nuova", mi si sono rizzati i capelli, questi lo hanno un programma, raggelante, supera la lega.
Mentre il Presidente del Milan sferra colpi alla magistratura e Franceschini sferra colpi a vuoto, c'e' chi istiga alla caccia all'uomo e come mai in questo caso specifico, Bondi non fa la solita alzata di scudi che la TV di stato non deve essere scorretta? Per la seconda volta si e' scagliato contro la Gabanelli e Report, martedi' con Ballaro', forza nuova ha un permesso speciale?
Che brutta sensazione che sto provando.
Tina

LucaCec ha detto...

Mi trovo d'accordo con la tua analisi, Marco, infatti alle elezioni europee sono orientato a non votare.

marco cedolin ha detto...

La Nuova Caledonia potrebbe essere un'idea :-)

Così come l'intenzione di Luca di non votare alle prossime europee. Alla luce della mancanza di senso della consultazione e della statura morale dei partiti che possono ambire al superamento dello sbarramento, penso lo imiterò.

Marco Messina ha detto...

Ciao Marco. Interessante e condivibile come sempre. A proposito di Trattato di Lisbona e sovranità monetaria, cosa ne pensi delle posizioni di Mpa di Storace e FN di Fiore? Il primo ha nel Trattato di Lisbona che attenta alle autonomie nazionali e il suo passaggio sotto silenzio un suo cavallo di battaglia, il secondo parla (molto timidamente e secondo me senza conoscere bene l'argomento) di sovranità monetaria e moneta alternativa. Mi piacerebbe una tua opinione a riguardo.Grazie.

marco cedolin ha detto...

Ciao Marco,
Storace mi sembra stia incentrando molto la propria campagna elettorale sul tema del trattato di Lisbona. Una scelta che probabilmente si rivelerà felice (in termine di consenso elettorale) dal momento che si tratta del tema focale di queste elezioni europee, colpevolmente ignorato dalla maggior parte degli altri partiti.
FN parla di sovranità monetaria ma, come hai detto tu, non sembra avere al riguardo le idee molto chiare, oltretutto subordina questo tema ad una vera fobia contro l'entrata della Turchia in Europa, senza dare l'impressione di avere compreso a fondo i reali problemi europei che allignano nella struttura stessa della UE, piuttosto che non nelle sue prospettive di allargamento.
Il problema della sovranità monetaria viene invece affrontato in maniera molto più incisiva e documentata da No Euro che già dalle scorse elezioni lo ha approfondito nel proprio programma, aiutato dal fatto di avere fra le proprie fila quel Miclavez che scrisse Euroschiavi insieme a Marco Della Luna.

Un caro saluto
Marco