mercoledì 4 febbraio 2009

Il partito unico blinda anche l'Europa

Marco Cedolin

La decisione d’introdurre lo sbarramento del 4% anche per quanto concerne le prossime elezioni europee ha ricevuto ieri il via libera della camera con una schiacciante maggioranza forte di 487 si, 29 no e 6 astenuti, incassando anche l’approvazione del Presidente Napolitano, sempre condiscendente con qualsiasi decisione si proponga di smantellare ogni anelito di democrazia.
Il governo “abbronzato” e l’opposizione ombra non hanno in verità faticato molto per trovare un accordo che li mettesse al riparo dalla possibilità che qualche candidato “non allineato” potesse ambire a sbarcare in Europa come accaduto in passato, dimostrando inequivocabilmente per l’ennesima volta come l’intesa fra governo ed “opposizione” risulti sempre perfetta quando si tratta di tutelare gli interessi superiori del partito unico.

Le elezioni "farsa" di aprile, dalle quali è emerso un parlamento privo di sfumature, negando il diritto ad avere una rappresentanza politica parlamentare a quasi il 10% degli italiani che si sono recati alle urne, hanno evidentemente tracciato la strada da perseguire in futuro per ottenere il risultato voluto. Il fatto che alle elezioni europee qualunque piccolo (o nuovo) partito, pur presentandosi da solo, potesse ambire a fare eleggere un proprio candidato, contrastava nettamente con le velleità di Veltroni e Berlusconi, intenzionati ad “americanizzare” il sistema politico italiano, eliminando i partiti minori e scongiurando la possibile nascita di qualsiasi nuova formazione politica.
La scelta dello sbarramento al 4% applicata anche alle elezioni europee, sostenuta da Napolitano che ha affermato di considerare la frammentazione (in questo caso trattasi di pluralità di pensiero) un “disvalore”, costringerà di fatto tutti i piccoli partiti ad eliminare le proprie peculiarità, appiattendosi su una delle due facce di Veltrusconi, avendo come unica alternativa la morte lenta determinata dall’impossibilità di dare rappresentanza ai voti ottenuti dai propri elettori.

Nonostante un gruppo di ex parlamentari abbia protestato durante la votazione alla camera lanciando volantini prima di essere allontanato dall’aula ed alcuni partiti minori da tempo esprimano contrarietà nei confronti della scelta di estendere lo sbarramento, sostanzialmente la notizia non ha suscitato grande clamore nell’opinione pubblica. Lo scarso spazio volutamente dato dall’informazione all’argomento e la martellante propaganda “istituzionale” mirata a presentare valori positivi quali la pluralità di pensiero e l’espressione democratica nell’accezione negativa di una “temibile” frammentazione, hanno fatto il paio con la distanza siderale che ormai divide i cittadini dalla politica, favorendo di fatto il disegno autoreferenziale del partito unico che la votazione di oggi ha portato drammaticamente a compimento.

9 commenti:

Alba Kan ha detto...

La condiscendenza di Napolitano è risaputa. Evitare che qualcuno "non allineato" possa avere voce in capitolo è tipico della dittatura. Il silenzio della stampa che da sempre poco spazio alle idee lontane dal regime che "serve", è altrettanto risaputo. Stamane ho letto in un altro blog "arriveranno i partigiani a salvarci", ma quando capirà la gente che i partigiani siamo noi?
Noi abbiamo il potere di ribellarci, ma non lo facciamo, siamo condiscendenti e dormienti come Napolitano.

Anonimo ha detto...

venerdì 23 gennaio 2009
Il giuramento di Lucifero

Stava quasi per sfuggirmi la questione dei curiosi avvenimenti circostanti il “doppio giuramento” di Obama:
http://www.adnkronos.com/IGN/Esteri/?id=3.0.2936759752.
Nell’articolo qui sopra non si fa alcuna menzione che al secondo giuramento NON VI ERA PRESENTE UNA BIBBIA come invece opportunamente riportato da altri organi di informazione:
http://www.reuters.com/news/video?videoId=97445&videoChannel=1
http://www.novinite.com/view_news.php?id=100639

Questo non fa che confermare quanto è stato scritto.
Barrack Hussein Obama è una marionetta tra le grinfie dei luciferiani, il suo “giuramento” non poteva avvenire veramente su una Bibbia benedetta e accanto alla moglie, una donna credente, ed infatti il primo tentativo è fallito.
Solo rammento, come inciso, che vari astronauti del programma Apollo si sono SEMPRE RIFIUTATI di giurare sulla Bibbia di essere sbarcati sulla Luna, una colossale burla spaziale dei Framassoni (1).
Bastava poco per intravedere il “fumo”, sentire l’odore di zolfo a cavallo di Capodanno.
Mentre i giudei, viscidi servi del Demonio, si abbandonavano a ogni empietà nella “Striscia”, il Terzo Anticristo se ne stava in vacanza alle Hawaii a pavoneggiare il fisico scultoreo in spiaggia. Narcisista come il primo, il più bello e splendente degli angeli, il portatore di Luce, che per l’orgoglio e superbia fu cacciato dal suo Creatore negli Inferi. E da allora brama, alletta, travia, corrompe gli uomini affinchè ignorino, spergiurino, odino, offendano, si facciano beffe dell’Onnipotente.
Gli angeli, e quindi i demoni seguaci di Parsifal nell’Ade che sono angeli decaduti, sono senza sesso definito come Obama è senza una razza precisa.

Ora Lucifero è diventato “presidente del mondo”, ha spergiurato alla Casa Bianca, un luogo consacrato al Maligno dai satanisti illuminati, nei cui sotterranei si sono probabilmente tenuti e si tengono eventi che noi chiameremmo “messe nere”.
Secondo le informazioni di stampa Barrack ha “giurato” (“vowed”) (2) che ritirerà le truppe americane dall’Irak entro 16 mesi, senza dirci nulla sulle altre truppe straniere impegnate nel conflitto irakeno, e che RADDOPPIERA’ il numero di soldati inviaiti in Afghanistan.

D’altra parte il Segretario alla Difesa di Obama si chiama Robert Gates (3), non si tratta di un omonimo, è LO STESSO segretario alla difesa di Bush!
L’Afganistan, un paese brullo e montagnoso quasi privo di petrolio, tuttavia è il più grande produttore di oppiacei del pianeta, il cui commercio è un lucroso affare secondo solo al petrolio. Il controllo del traffico di droga è il vero obbiettivo delle guerre afghane, la “lotta al terrorismo” un penoso pretesto.
L’invasione sovietica dell’Afghanistan del 1979 fu provocata da un’operazione coperta organizzata da Zbigniew Brizinski, responsabile per la sicurezza nazionale ai tempi dell’amministrazione Carter, e sospettato di avere creato Al Qaeda e di dirigerla tuttora (4).
E Robert Gates è un uomo di Brizinski.

La capacità del Male di ottenebrare le menti, di manipolare la realtà, di distogliere l’attenzione dai “segni” è tale che riuscirà a giustificare un bombardamento atomico alla Russia, o alla Cina o all’Iran perché qualcuno di quei paesi non intende rispettare al Protocollo di Kyoto sulle emissioni di gas-serra!
Diabolicamente beffardo, se considerate che gli USA, pur producendo DA SOLI ben il 36% di tutta la CO2 del pianeta, NON HANNO SOTTOSCRITTO gli accordi di Kyoto e, nonostante le mezze promesse elettorali del neopresidente, velerete continueranno a NON ADERIRE! (5)

E’ iniziata per il genere umano l’ultima stazione della Via Crucis che condurrà alla Terza Guerra Mondiale quindi alla Fine della Storia, in nome probabilmente della lotta al ”terrorismo internazionale” e al “riscaldamento globale”. Lo scopo sarà di ridurre deasticamente la popolazione mondiale, dove droghe libere, AIDS e carestie pianificate nel Terzo Mondo stanno fallendo (6).
I Quattro Cavalieri dell’Apocalisse hanno sciolto le briglie ai cavalli, si stanno avvicinando a sprone battuto per completare la Profezia.
Se credete in un qualche Dio cominciate a pregarlo per la salvezza della vostra anima, sarà d’uopo.
Poiché il nostro destino sta per compiersi.

F. Maurizio Blondet

1 ) http://en.wikipedia.org/wiki/Astronauts_Gone_Wild
2 ) http://www.voanews.com/english/2009-01-22-voa11.cfm
3 ) http://en.wikipedia.org/wiki/Robert_Gates
4 ) http://www.infowars.com/articles/nwo/bilderberg_al_qaeda_connection.htm
5 ) http://it.wikipedia.org/wiki/Protocollo_di_Ky%C5%8Dto
6 ) http://it.youtube.com/watch?v=50K-JIGnLQ8&feature=related

da
http://falsoblondet.blogspot.com/

Roberta da Sydney ha detto...

Ma chi e` 'sto pazzo scatenato?

LucaCec ha detto...

Contasse almeno qualcosa, il Parlamento Europeo. Invece è apparso sempre più evidente nel corso degli anni che accanto a una costante crescita del potere delle istituzioni esecutive e bancarie dell'Unione Europea questo organo parlamentare conserva solo la possibilità di emanare documenti non vincolanti, e ha lo scopo di costituire un parcheggio per politici nazionali o locali trombati.
E ciò nonostante, ci impongono di scegliere tra il PD + L e il PD - L... e naturalmente l'Italia dei Valori, l'inconsistente e ambiguo partito di Antonio Di Pietro.
Alle passate elezioni politiche ho annullato le schede, limitandomi a votare per il Comune, ma penso che stavolta non andrò a votare.
Ciao
Luca
P.s. Quanto scommettete che tra i candidati del PD ci sarà un certo Sergio Cofferati?

Crocco1830 ha detto...

Faccio per un momento finta di credere alla favola dell'obiettivo di evitare frammentazioni al parlamento europeo e garantire rappresentanze certe. Allora il minimo da chiedere al PD sarebbe di mostrare un minimo di coerenza e finalmente decidere e fare sapere ai suoi elettori, in quale gruppo dell'europarlamento finirà. Tanto per apparire un pochino serio e meno ridicolo. E soprattutto politicamente onesto almeno nei confronti degli italiani a cui chiede il "voto utile".

Anonimo ha detto...

Questo provvedimento probabilmente si trasformerà in un boomerang per le oligarchie partitocratiche che l'hanno partorito: costringendo i piccoli partiti e i movimenti a coalizzarsi tra loro per superare lo sbarramento (e raccogliere le firme - che non servono per chi in parlamento a Roma o a Bruxelles già c'è - e questa è la vera truffa del sistema più ancora che lo sbarramento...) i "grandi" rischiano di avere una brutta sorpresa e trovarsi a spartire meno cadreghe di quello che sperano (prima di tutti il PD: avete notato che nessuno parla di sondaggi?). Probabilmente vedremo coalizioni alternative decisamente eterogenee, ma è sempre meglio che lasciare campo libero ai banditi che hanno oggi in mano la politica italiana.
Maurizio
www.europadeipopoli.org
(Ora e sempre No inceneritori e No Tav)

Anonimo ha detto...

78 posti e 19 partiti (2004).
Sfugge il senso del ridicolo mi sembra di capire.
Forse il profumo dei 50k€ mensili è forte ma Napolitano ha ragione.
Un po' di decenza ragazzi.

L'infedele

marco cedolin ha detto...

Gentile Infedele,
in efetti sfugge il senso del ridicolo quando si spende una marea di denaro dei cittadini per organizzare delle elezioni che legittimino il partito unico delle banche e di Confindustria.
La decenza si potrebbe recuperare, forse, voltando le spalle ad una democrazia rappresentativa che non rappresenta più nessuno se non gli interessi economici delle grandi oligarchie di potere.

Anonimo ha detto...

Gentile Marco,
ci troviamo su fronti opposti ma parliamone pure. La democrazia è quella cosa per cui si vota per una oppure un’altra idea. Il mondo è così da oramai molto tempo. Se si pensa di battere i poteri forti con 19 gruppetti di scalzabubboli che si leticano su tutto la vedo in salita. Se poi tra questi gruppetti c’è chi addirittura denuncia il proprio paese all’UE per qualche briga di quartiere a “roccacannuccia” allora le cose diventano serie. Non si può pensare che l’Europa diventi una specie di aula di 1^ media durante la ricreazione solo perché noi siamo così. Nel mondo NON sono così. Le guerre (politiche) si fanno con le idee serie e le informazioni vere. Basta un paio di “puttanate” dette e si sparisce (vedi la storia delle micro bombe atomiche). Si rimane insomma come i gruppi che ora cancellati vorrebbero esseri stati i salvatori della patria. Di quale patria e di chi non lo capisco.

L’infedele