martedì 3 giugno 2008

Nei cantieri del TAV discariche illegali

Marco Cedolin

Un interessante articolo apparso sull’Espresso mette in luce i primi risultati di un’indagine condotta dalla Procura di Milano, concernente reati ambientali e smaltimento illecito di rifiuti ed avente per oggetto i cantieri della tratta TAV Torino – Milano, affidati al consorzio Cav. To. Mi. Del quale è capofila la multinazionale Impregilo.
Secondo gli inquirenti l’avvio dei lavori per l’alta velocità, avvenuto nel 2002, è stato immediatamente oggetto di attenzione da parte dei clan di cosa nostra e della ndrangheta che risultano infiltrati nel controllo delle gare di appalto, nel noleggio dei macchinari da scavo e nella fornitura di materiali e commesse. L’intreccio perverso fra malaffare e grandi opere non si è però limitato alla gestione dei lavori ma ha determinato pesanti conseguenze sul territorio. Come sta infatti emergendo in maniera sempre più chiara dalle indagini, un gran numero di cave usate per l’estrazione dei materiali da costruzione sarebbero poi state riempite con materiali pericolosi, fino a diventare vere e proprie discariche illegali di rifiuti tossici, alcune delle quali in grado di contenere fino a 32 mila metri cubi di materiale.

Ad oggi sono sette i cantieri posti sotto sequestro, mentre i materiali rinvenuti vanno dal catrame rimosso dalle strade insieme al cemento e ai sacchi di plastica del materiale da costruzione, ai metalli pesanti come piombo e zinco, al benzopirene e al mercurio, con conseguente gravissimo inquinamento dei terreni e grande pericolo di migrazione degli agenti inquinanti attraverso le falde acquifere fino a contaminare le coltivazioni. Trattandosi in larga parte di materiali cancerogeni che colpisco oltre all’apparato respiratorio il sistema nervoso centrale e l’apparato urinario, l’allarme per la salute è comprensibilmente molto alto, nonostante l’Arpa stia tentando di minimizzare le possibili conseguenze dell’accaduto.

L’impressione destata dalla vicenda, come si può leggere anche sull’articolo dell’Espresso che si chiede “ci sono discariche lungo tutta la TAV?”, è che si tratti solamente della punta di un iceberg di ben più grandi dimensioni. Quello che è accaduto nei cantieri del Tav fra Torino e Milano potrebbe infatti rappresentare non un’eccezione bensì la regola con cui si è proceduto a costruire gli interi 1000 km dell’infrastruttura. E’ probabile che il sodalizio fra ecomafia e general contractor preposti alla costruzione delle tratte TAV, in grado d’ingenerare profitti miliardari, sia stato ovunque pratica comune e l’intero percorso dell’alta velocità sia costellato di una lunga serie di discariche illegali in tutto e per tutto simili a quelle scoperte dalla Procura di Milano.
In questo caso agli impatti ambientali devastanti determinati da un’infrastruttura tanto energivora quanto inutile, andrebbero ad aggiungersi anche i veleni, altrettanto devastanti per la salute della popolazione, disseminati dal sodalizio fra la consorteria del cemento e del tondino e quella che si occupa di “smaltire” illegalmente i rifiuti tossici. Senza dubbio il TAV rappresenta un grande “affare” per tutti, tranne per i cittadini a rischio avvelenamento che lo finanziano e alla fine saranno chiamati a pagare il conto di 90 miliardi di euro.

4 commenti:

SCHIAVI O LIBERI? ha detto...

Signor Marco Cedolin, io sono un suo lettore appassionato, mi piace quello che scrive e ne condivido i valori di riferimento. I suoi articoli, oltre essere un'ottima fonte di informazione, sono capaci di stimolare un pensiero critico nei confronti di questo sviluppo sempre più pazzesco. Dopo questa doverosa premessa, volevo chiederle il permesso di duplicare alcuni suoi pezzi nel mio blog, anche per farla conoscere a più gente possibile. Se per lei è un problema non si preoccupi, metterò solo un link che riporta a lei. Sempre che tutto ciò non le crei problemi.
In attesa di risposta le porgo cordiali saluti..

marco cedolin ha detto...

Gentile amico,
la ringrazio per gli apprezzamenti.
Non può che farmi piacere il fatto che duplichi alcuni miei pezzi nel suo blog, in quanto l'unico scopo del mio lavoro è quello di produrre informazione che raggiunga più gente possibile.

Un caro saluto
Marco

SCHIAVI O LIBERI? ha detto...

Grazie mille. Un caro saluto a lei.

Anonimo ha detto...

che Marco scriva benissimo non è certo una novità.
sono i contenuti che nel nostro sistema mediatico non ci sono, semplicemente non se ne deve parlare di certi FATTI.

Molti a rai set fanno gli addetti stampa, spesso bipartisan.

Marco fa il giornalista
sono due mestieri diversi