domenica 24 luglio 2011

Tangenti sui lacrimogeni illegali al CS, usati in quantità industriale in Val di Susa?

Fernando Rossi
E' un fatto che candelotti e razzi, lacrimogeni, urticanti e che altro, usati da esercito e polizia in Val Susa sono vietati nei paesi "civili".
Penso che nel Parlamento non ci siano rappresentanti del popolo che intendano tutelarne davvero i diritti, anzi vedo che in luogo di una sua chiamata alle camere per rispondere dei reati portati a termine in Val di Susa, da lui ordinati e/o condivisi, le varie bande partitiche fanno a gara nel blandire Maroni, tirandolo il più possibile dalla propria parte, come nuovo leader della Lega Nord. Uno spettacolo indecoroso, ma media e partiti, ancora una volta non fanno che coprire e mistificare le questioni relative al potere ed alla sovranità popolare.
 Credo che, vacanti le Istituzioni Repubblicane, debbano essere i valsusini e quanti sono stati vittime di quei comportamenti irresponsabili, provocatori e immotivati o e criminoso a portare di fronte alla giustizia nazionale ed europea il Governo e le autorità responsabili degli ordini impartiti a polizia ed esercito. Io sono tra questi e mi dichiaro pronto a promuovere una causa collettiva......
 

E' un altro fatto inquietante che tali prodotti vengano impiegati in enormi quantità, il solo pomeriggio del 3 luglio ne sono stati "contati" oltre un migliaio solo nella zona dove ero io (ponte 'accesso alla centrale di Chiomonte).
Ieri sera , replica ..anche se le vittime/bersaglio dei lanci non erano le decine di migliaia del 3 luglio, perchè ?
- Per dimostrare che le bande PRENDITRICI di denaro pubblico non molleranno mai la presa?
- Perchè quelle armi belliche sono in scadenza e occorrerebbero nuove risorse per smaltirne le componenti tossiche, velenose e pericolose per la salute di magazzinieri e/o di quella dei militari al momento del loro più avanzato utilizzo?
- Per, come io credo (in base alla quantità "abnorme" anche per armi molto meno impattanti sulla salute, e in base alla "degenerazione di politica e spesa pubblica),  interessi incoffessabili sulla quantità di proiettili smaltiti e da riacquistare?
Chi dovrebbe far luce su questi quesiti ?
Chi lo farà ?
Temo potrà farlo solo un governo fuori dal controllo della grande finanza e della massoneria
Cerchiamo di far presto a licenziare l'attuale classe dirigente! La lotta della Val Susa è solo una delle mille ragioni , ma è una di quelle in cui più chiaramente si può leggere il tradimento della Costituzione e della sovranità e interessi popolari.

4 commenti:

Marco Schanzer ha detto...

"Credo che, vacanti le Istituzioni Repubblicane, debbano essere i valsusini e quanti sono stati vittime di quei comportamenti irresponsabili, provocatori e immotivati o e criminoso a portare di fronte alla giustizia nazionale ed europea il Governo e le autorità responsabili degli ordini impartiti a polizia ed esercito. Io sono tra questi e mi dichiaro pronto a promuovere una causa collettiva."

Istituzioni Republicane preposte alla giustizia...non ce ne sono .
A meno di non volersi appellare alla stessa organizazione che lancia i lacrimogeni , o rivolgersi alla magistratura ...che impieghera una vita intera a sentenziare una cosa a caso e poi non applicarla....e' evidente che per cambiare l'Italia occorre istituire noi un iter per la giustizia che consenta di intervenire con i giusti tempi , cioe' immediatamente .
Apprezzo molto la frase " MI DICHIARO DISPOSTO A ". Una frase rivoluzionaria al massimo , per un Italiano .

Massimiliano S. ha detto...

E intanto, per il rogo alla Tiburtina si fanno già associazioni sfumate ma presenti. Questo il titolo sul Secolo XIX in rete (pessimo già su carta,ma diffuso ahimè in tutta la Liguria):"Incendio alla Tiburtina, treni in tilt. Ipotesi dolo: sarà uno scalo della Tav".
E' un'ipotesi (ora Bin Laden non va più tanto di moda), ma sono convinto che ora con solerzia verranno trovate prove inconfutabili degli addentellati no-TAV e il temibile neo terrorismo tiburtino. A lasciar mano libera a questi topi di fogna, riuscirebbero a trovare collegamenti anche con le stragi norvegesi.
Sempre più schifato e sconvolto da questi gestori della res publica osceni e indecenti e dai loro reggisacco se è possibile ancora più esecrabili.

Alba kan. ha detto...

sono vietati nei paesi "civili".

...penso che non ci sia bisogno di aggiungere altro!

Anonimo ha detto...

rdate cosa scrive codesta persona in un giornale on line?

http://www.eco-news.it/2011/07/25/notav-in-un-vicolo-cieco-%E2%80%9Cquei-sovversivi-degli-ambientalisti%E2%80%9D-ma-ora-serve-un-po%E2%80%99-di-fantasia/

Gli ho scritto una bella mail di risposta e penso lo dovremmo fare tutti in modo che lui capisca le cavolate che ha scritto.