venerdì 20 luglio 2012

Batman e Bane

Marco Cedolin

Siamo a Denver, nel Colorado, uno studente di medicina di 24 anni di nome James Holmes irrompe all'improvviso all'interno della sala cinematografica dove si sta proiettando la prima di Batman. E' vestito di tutto punto come l'acerrimo nemico del supereroe, Bane, con in viso una maschera antigas. Armato all'inverosimile peggio di un marines, con granate di gas lacrimogeno, un fucile e due pistole.
Improvvisamente la rappresentazione scenica esplode in una furia omicida quanto mai reale e scoppia l'inferno, senza che in sala ci sia nessun "Batman" a contrastarlo, tranne quello imprigionato fra i pixel dello schermo.
La strage che ne consegue ammonta a 12 morti ed una cinquantina di feriti, all'interno del cinema ormai trasformatosi nel teatro da incubo di una carneficina.....


Il giovane studente, una volta svestiti i panni di Bane, viene arrestato senza opporre resistenza, nel parcheggio del cinema mentre cerca di allontanarsi dal luogo del delitto e nella successiva perquisizione della sua abitazione, sembra che la polizia abbia rinvenuto svariate trappole esplosive pronte per essere usate.

Chi é James Holmes e chi Bane? Quanto sottile può essere la barriera che separa la rappresentazione filmica dalla vita reale? Quanti James potrebbero trasformarsi in Bane in una società decadente, priva di ogni coordinata e di ogni valore, che trova nel modello americano il proprio esempio più fulgido? La massa d'individui atomizzati, messa nella condizione di non poter reagire di fronte alla violenza che il "sistema" le dispensa quotidianamente, potrebbe implodere su sè stessa fino a rifugiarsi nella pazzia? Il flusso di una vita iper cinetica, dove la tempesta d'informazioni corre così velocemente da impedire una corretta elaborazione delle stesse, potrebbe contribuire a smantellare il senso della realtà?
Sempre più persone fra noi saranno destinate a trasformarsi in tanti Bane o si tratta semplicemente di un caso di pazzia isolato, legato alla droga del momento, come quelli che stanno inducendo un'epidemia di neo cannibalismo?

Per una volta non abbiamo voluto esprimere giudizi, ma solo produrre riflessioni e domande. Le risposte ciascuno di noi potrà cercarle nell'intimo della propria sensibilità, ma la sensazione preponderante é quella che gli Stati Uniti, o meglio il loro modello sociale che é in corso di esportazione in tutto il mondo, presto si troveranno di fronte ad un problema ben più tangibile e reale di quanto non fosse il terrorismo islamico, creato a tavolino nelle stanze della CIA.


3 commenti:

Hector ha detto...

marco mi ricordo i batman della mia infanzia dove anche il super criminale, il jolly ( o Joker) aveva un'apparenza MENO TETRA..

marco cedolin ha detto...

Vero Ettore, stiamo scendendo di livello anche per quanto riguarda i nemici giurati dei super eroi....

Francesca ha detto...

io ho sempre pensato che i veri pazzi, in questa società, sono coloro che vivono ben adattati alla non-vita imposta dal sistema vigente.