mercoledì 2 aprile 2014

Sono tutti terroristi!

Marco Cedolin
Che le banche impegnate a governare questo disgraziato paese tramite i propri camerieri (oggi il minus habens Renzi, ieri Letta e ieri ancora Mario Monti) detestassero in maniera viscerale chiunque osasse profondersi in un qualche anelito di contestazione, dovrebbe ormai essere un fatto assodato. Ciò che invece in tutta evidenza non è ancora chiaro a tutti, sembra essere il punto fino al quale questo stato mafioso e clientelare sembra disposto a spingersi, pur di eliminare sul nascere qualsiasi forma di critica o contestazione.
Se molti avevano pensato che la folle accusa di terrorismo, gettata sulle spalle di un manipolo di No Tav, colpevoli di aver difeso la terra in cui vivono, costituisse un'eccezione nella quale era maldestramente incespicata la magistratura, tutti costoro da oggi in poi saranno costretti a ricredersi e ad ammettere che giudici, banchieri e mestieranti politici hanno ormai fatto della persecuzione una regola, finalizzata ad impedire qualsiasi forma di dissenso......


Questa mattina infatti, alle prime luci dell'alba, i carabinieri dei Ros di Brescia hanno portato a termine 24 arresti e 33 perquisizioni (la maggior parte delle quali in Veneto) con l'accusa demenziale di terrorismo ed eversione, nei confronti di un gruppo di persone a vario titolo legate all'indipendentismo.

Non si tratta, come lascerebbero intendere le accuse, di una congrega di teppisti facinorosi, di bombaroli avvezzi a nascondersi nell'ombra, di spietati killer prezzolati o di saguinari sterminatori di donne e bambini. Bensì semplicemente di persone normali che in varia misura inseguivano il "sogno" dell'indipendenza del proprio paese, a prescindere dal fatto che si tratti di un proposito più o meno condivisibile.
Fra di loro molte persone anziane, cinque donne e perfino quel Lucio Chiavegato che, anzichè nascondersi nell'ombra ha capeggiato la tanto vituperata protesta dei Forconi dello scorso dicembre.

Come nel caso dei No Tav, quello che immediatamente salta all'occhio è l'enorme sproporzione fra le presunte colpe degli arestati e l'enormità di un'accusa (terrorismo ed eversione) che non avrebbe alcuna ragione di esistere, se non in un'accezione punitiva, attraverso la quale si vuole in tutta evidenza "educare" chiunque carezzi il proposito di contestare le scelte che i banchieri ed i loro camerieri politici amano calare dall'alto.

Dopo i terroristi No Tav i terroristi secessionisti, e poi? Sarà la la volta dei terroristi anti europeisti o di quelli che inneggiano alla decrescita? Verrebbe quasi voglia di sorridere, se sullo sfondo di tanta schizofrenia non ci fosse il dramma di persone rinchiuse nelle patrie galere e di famiglie rovinate dalla mano di un giudice. In quelle stesse patrie galere dove i decreti svuota carcere regolarmente sbattono fuori chi è colpevole di reati ben differenti da quelli di opinione, gli unici sempre pronti a trasformarsi in terrorismo.

7 commenti:

keoma08 ha detto...

Un'altra "notte dei Ros viventi" ?

Il Ros dei carabinieri, oltre che per aver avuto tempo fa il suo allora capo Ganzer ed altri suoi alti dirigenti condannati a pene pesantissime per "traffico di droghe", è arcinoto per queste sparate propagandistiche che poi, pressochè sempre, si risolvono nel nulla ...

In genere il loro obiettivo principale sono gli anarchici .... clamoroso il caso di due ragazzotti di un paese dei Castelli Romani che avevano sfasciato qualche bancomat in quella zona di provincia, presentati in prima pagina come una pericolosissima banda armata di caratura nazionale ... come si possa poi considerare due sole persone, a cui non sono state trovate armi, una "banda armata", proprio non si capisce ... e così tanti altri casi del genere, poi quasi sempre caduti nel nulla o comunque ampiamente ridimensionati nelle istruttorie e nei processi ...

Stavolta se la prendono con questi improbabili "secessionisti veneti" ...

Certo, se alcuni di questi stavano veramente trasformando una ruspa o un trattore in un carro armato con tanto di cannoncini in grado di sparare ... cosa però questa ultima dei cannoncini tutta da dimostrare .... la cosa è formalmente reato ... anche se io penso che, quand'anche questa cosa fosse vera, si trattava semplicemente della riedizione della "sceneggiata" dell'occupazione del campanile di San Marco di oltre 20 anni fa, anche lì usarono una specie di "piccolo blindato" autoprodotto, modificando allora un trattore ... ... un gesto puramente dimostrativo, "situazionista", a suo tempo compiuto anche da personaggi forse nemmeno tutti completamente coscienti della cosa, si erano preoccupati prima di tutto di portarsi sul campanile una rilevante riserva di vino ... parecchie damigiane ...

Ma da questo eventuale reato di qualche singolo alla "banda armata" secessionista ce ne corre ...

Tra l'altro, poi ... che uno come Rocchetta, che ha avuto in passato anche incarichi istituzionali e di governo ... e che si è sempre mosso appunto su un piano politico/istituzionale ... e che uno come Chiavegato, che si è invece sempre mosso sul terreno delle lotte di massa e su quello della "disobbedienza civile" ... siano improvvisamente diventati due "lottarmatisti" mi sembra veramente non credibile ..

Credo invece che la gran "cagnara" affidata alle gazzette stamattina risponda ad una serie di esigenze politiche .... criminalizzare la questione del "referendum" sull'indipendenza del Veneto, iniziativa che ovviamente non condivido, ma che è comunque una cosa che deve aver dato fastidio a determinati interessi politici locali e nazionali .... creare discredito alla Lega Nord, che comunque con questa gente continuava ad avere un rapporto "dialettico", questo soprattutto per la sua posizione contro l'euro, certamente incoerente e credo strumentale rispetto alle sue posizioni del passato, ma che certo anche questa deve dare non poco fastidio ad una serie di equilibri politici, soprattutto all'interno del centro-destra ... e, dulcis in fundo, tramite Chiavegato, criminalizzare e stroncare definitivamente quella ala dei cosiddetti "forconi", che proprio in terra veneta era tra le poche che era riuscita a Dicembre ad esprimere livelli significativi di mobilitazione ... e tra l'altro pure la più aliena, insieme a piemontesi e siciliani, rispetto a strumentalizzazioni di stampo fascistoide ... Chiavegato aveva pure aderito alla prossima mobilitazione nazionale del 12 Aprile a Roma, cosa certamente lontana da qualunque impostazione fascistoide ... ed anche da qualunque impostazione separatista e lottarmatista ....

(segue)

keoma08 ha detto...

( da sopra)

Insomma, al di là di eventuali reati personali di qualche singolo, la vicenda mi sembra sul piano politico/mediatico la classica ed ennesima "montatura" strumentale pre-elettorale ...

Se pensiamo poi che addirittura il vicedirettore di Repubblica Giannini dice
"attenti a non trasformali in martiri" .... credo ci sia veramente poco da aggiungere ..

marco schanzer ha detto...

Insomma.....volersi convincere che Renzi e' un mediocre....e che quei campanilisti ignoranti siano persone normali...significa non aver contatto con la vita reale.....Gli arresti dei No Tav ( anche se tra di loro ci sono , effettivamente , molti idioti ) e di quei cretini veneti....richiederebbe una immediata risposta della popolazione per far sapere al regime che sta esagerando.....ma , di nuovo .....nessuno vuole sintonizzarsi con la realta' .
E' per questo che rimane ai cretini fare gesti d'orgoglio , e che poi la popolazione fa finta che non sia successo nioente .

marco cedolin ha detto...

Analisi di spessore e in larga parte condivisibile, Keoma.

cortomaltese ha detto...

L'obiettivo è a larghissimo respiro,siamo un paese che dimentica in fretta,ma sopratutto legge niente o quasi e cosa ancor più preoccupante non ha capacità di analisi e spirito critico,sepolti e massacrati da decenni di decerebrazione e bombardamento mediatico.I ROS che qualcuno vorrebbe presentare come una allegra congrega di buontemponi sprovveduti sono in realtà ben consapevoli e coscienti di ciò che fanno,dietro il loro operato ci sono istituti ed organismi che del rincretinimento delle masse sono maestri,creare false flag e manipolare le menti è il loro mestiere,pochi ricordano quella davanti al quirinale forse...bene a mio avviso era solo un test...iniziato con le statuine del duomo in faccia al berlusca,il piatto forte arriverà presto,e sarà quello con cui schiereranno militari ad ogni angolo....magari dopo aver sostituito proprio i carabinieri a loro avviso troppo "gentili" con la nuova Gestapo europea che presto ne prenderà il posto.

@enio ha detto...

più che a governare pare che le banche sianoimpegnate a sopravvivere... nei prossimi mesi ridurranno drasticamente i loro sportelli e licenzieranno un bel pò di gente... si sono accorti anche loro che la crisi morde forte.

Masini Marco ha detto...

Lo Stato si legittima esclusivamente attraverso l’artificio di un terrore, sedicente o meno, che si propone poi di acquietare.... dal "bellum omnium contra omnes" ai giorni nostri.
Nella fattispecie, se i Ros o qualche "giudizioso" statale entrassero in un qualsiasi bar del Veneto (e non solo), le patrie galere si riempirebbero in qualche giorno di questi "supposti “terroristi.